RUBRICA. PSICOLOGA

Emozioni e Cherofia

Condividici sui Social...


All’interno della comunità scientifica la psicologia ha sempre dovuto lottare per affermarsi in modo “scientifico”, osservabile, oggettivo e quindi universalmente indagabile  trasformando in dati tutto ciò che è dentro la nostra mente. Un processo di identificazione della psicologia  lungo e sempre in essere: molte problematiche come la violenza, le dipendenze, la gestione delle disabilità nella vita quotidiana, l’atteggiamento verso la vita, le malattie psicosomatiche, le patologie stress-collegate, la psicofisiologia, tutto ciò che riguarda il rapporto mente- corpo – ricerca è stato reso “osservabile”per essere appunto annoverato tra le materie scientifiche, per avere un “fondamento”. Un processo lungo perché la psicologia nasce dalla filosofie che  si è da sempre occupata di indagare e spiegare l’animo umano. E sempre per mano di filosofi come David Lewis che nasce la definizione di Folk Psychology, ovvero quel filone della psicologia popolare o del senso comune che si occupa dei comportamenti delle specie in base a precise “regole” semplicistiche e a volte banali  assimilate nel corso dell’evoluzione. Quando dobbiamo spiegarci una certa azione di un altro individuo, tendiamo ad attribuirgli credenze e desideri con un preciso contenuto, che in realtà non è puro, è viziato dal nostro modo di vivere: “sicuramente è andata cosi; son sicuro; io farei così; son certo abbia ragionato così”, in base alle regole assimilate in famiglia o in gruppi di appartenenza.

Ogni volta che qualcosa non va secondo le nostre previsioni, solitamente diamo la colpa a fattori vari: dal tempo all’oroscopo, dalla sfortuna al malocchio fino all’universale “magari è l’eccezione che conferma la regola”. Come ogni teoria approvata dal “senso comune” esistono degli estremismi che portano a stati patologici fobici/ansiosi, non sempre classificati sui manuali scientifici: la cherofobia è una di questi, la paura di essere felici. L’individuo in questione ha spesso paura di partecipare ad attività che molti potrebbero trovare divertenti o teme di essere felice; i pazienti si giustificano con frasi come “e ma se son felice mi succederà qualcosa di brutto; la felicità ti rende una persona cattiva o peggiore, lussuriosa e godereccia; dimostrare che sei felice farà male a me o ai miei cari; cercare di essere felici è uno spreco di tempo e fatica, meglio la tranquillità; non gioisco per scaramanzia; dopo la gioia arriva la tristezza”. Chi ragiona così ha spesso subito un trauma fisico o emotivo passato (aborti, malattie, delusioni, separazioni, abbandoni, molestie o violenze, discriminazioni, crudeltà, perdite importanti); le terapie più efficaci sono solitamente quelle che correggono i processi cognitivi offrendo al paziente cambiamenti comportamentali, le tecniche di rilassamento, respirazione profonda, la meditazione, esercizi di role playing, l’utilizzo del diario, porsi obiettivi raggiungibili e sopratutto l’esposizione verso lo stimolo avverso: fare ciò che ci rende felici. Chiudiamo la rubrica di oggi proprio con questa certezza: l’esposizione alla felicità rende felici; sperimentare la gioia e l’entusiasmo per la vita anche nelle piccole cose e lavorare su sé stessi, le proprie emozioni, i propri limiti; affrontare le brutture della vita praticando la felicità è la chiave per dare una lettura nuova alla nostra vita, breve o lunga che sia ancora, siamo solo noi a decidere l’intensità di gioia con cui vogliamo viverla.

 Dott.ssa Alice Bandino

psicologa, spec. in psiconcologia

www.psygoalicebandino.it



Condividici sui Social...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

il 1 e il 15 di ogni mese…