Attualità

Arbus spiagge deserte e infinite, nè contaminati nè assembrati: un’opportunità da cogliere

Condividici...

di Gianni Vacca
________________
“Spiagge immense ed assolate, spiagge già vissute amate e poi perdute in questa azzurrità. Fra le conchiglie e il sale tanta la gente che ci ha lasciato il cuore”. Il brano scritto qualche anno fa da Renato Zero sembrerebbe confezionato su misura per il litorale della Costa Verde.
Sessantaquattro chilometri di litorale all’interno del quale intervallate da deliziose e romantiche calette infinite spiagge, deserte, dorate e assolate. Il carico antropico ancora sopportabile. Di servizi in tutto il litorale, esclusi il villaggio di Torre dei Corsari e in parte Piscinas, si fa solo un piccolo accenno. Tuttavia la quasi totale assenza di questi è abbondantemente compensata e impreziosita dalla  qualità delle acque cristalline e da panorami mozzafiato. Garantito naturalmente con diverse postazioni il salvamento a mare, le aree parcheggio e a Torre dei Corsari, Piscinas,  Scivu e Pistis la presenza dei lidi. Il covid-19 può dunque dormire sonni tranquilli la distanza sociale da queste parti è, infatti, da sempre una normalità.Sembrerebbe un paradosso ma da una stagione che per molte località si prospetta da vivere con il freno a mano tirato per Arbus grazie agli immensi arenili di cui dispone, potrebbe  invece rappresentare, se si riuscisse a coglierne intelligentemente tutte le potenzialità, una grande opportunità. Piscinas, Scivu, Portu Maga, Torre dei Corsari e Pistis offrono spazi enormi in cui si può stare sdraiati lontani dagli altri e dove gli ospiti possono essere accolti e coccolati nella massima sicurezza.

Vale per chi sceglie turismo e spiagge libere ma vale anche per chi opta di affidarsi ai servizi-spiaggia che offrono i lidi presenti in tutte le principali località della costa. Un migliaio i posti letto disponibili garantiti dagli alberghi e dai tanti agriturismo, b&b, e dalle numerose case vacanze. Oltre al mare tutto il territorio dell’arburese offre  l’incomparabile valore aggiunto di una deliziosa enogastronomia e di un entroterra a tratti selvaggio colonizzato da numerosi sentieri percorribili a piedi, in bici, con i quad per i quali si dispone di un eccellente servizio, oppure a cavallo.
Un territorio ricco di una straordinaria archeologia mineraria riconosciuto dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità  dove Ingurtosu e Montevecchio con le loro imponenti cattedrali  rimangono a buon diritto tappe obbligate facilmente visitabili attraverso l’escursionismo e le visite guidate organizzate e gestite dal Ceas Ingurtosu-Zampa Verde.

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy