Attualità

Barumini, festa  solo  religiosa  per  il patrono  San  Sebastiano

Condividici...

di Carlo Fadda
___________________________

A causa della pandemia del virus da Covid-19 e dell’impennata della curva epidemica, con nuovi contagi tramite la nuova variante Omicron che si sta diffondendo molto velocemente, il tradizionale foghidoni previsto per mercoledì 19 gennaio, anche quest’anno è stato annullato.
Sino a due anni fa, alla vigilia di San Sebastiano patrono di Barumini, la comunità raccoglie la legna nelle campagne del paese, depositandola nell’area interna della fiera comunale. Nell’ultima occasione organizzarono la festa attorno al gran falò, il gruppo dei Nuragic Bikers e l’oratorio della Parrocchia, col supporto di un comitato spontaneo di giovani, cui fece seguito una partecipatissima cena con pecora bollita, favata, carne arrosto, vino nuovo, balli e canti.  Anche nel paese de Su Nuraxi, scrupolo e rigore sono le chiavi per mettere fine all’emergenza, e quest’anno si richiede a tutti di essere responsabili e tenere sotto controllo la propria condizione di salute. Ovviamente impossibile festeggiare il patrono San Sebastiano per la grave emergenza sanitaria che ha coinvolto tutto il mondo, la quale impone norme restrittive per la sicurezza anti-contagio.

L’antico rito dedicato al Santo prevede che la grande catasta di legna preparata dagli organizzatori, sia benedetta dal parroco e poi data alle fiamme.  Nei giorni successivi, le ceneri rimaste, vengono sparse dagli agricoltori nelle campagne per scongiurare infestazioni. Un vero e proprio rito propiziatorio tra religiosità e credenza popolare. E’ consuetudine che i baruminesi, dalle fiamme e dalla luce de su foghidoni, traggono auspici per il nuovo anno. Com’è ormai da tradizione, molte persone, in particolare anziani, gettano sul gran fuoco tanti chicchi di grano, simbolo di prosperità. Ma se tutto va bene, dovranno attendere il gennaio del 2023.   Con le dovute precauzioni e in forma ridotta si farà la festa religiosa: mercoledì 19 alle 16,30 il rosario e alle 17 vespri solenni, mentre giovedì 20 il giorno di San Sebastiano, alle 16,30 si effettua la processione tra le strade del paese con la Confraternita Madonna del Rosario, e a seguire la messa solenne in parrocchia. La speranza di tutta la popolazione è quella di poter riprendere presto la normalità, e superare questa terribile emergenza che ha causato migliaia di morti sconvolgendo tutto il pianeta.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy