RUBRICA. PSICOLOGA

Competenze emotive intra-personali

Condividici...

di dott.ssa Alice Bandino, psicologa
www.psygoalicebandino.it

L’intelligenza emotiva viene ormai applicata in ogni ambito dove la conoscenza e la regolazione delle emozioni possono influire positivamente sul benessere psico-fisico percepito dal singolo e dal gruppo e dove la corretta gestione delle stesse può portare a un più semplice raggiungimento di obiettivi in modo proattive.
Le teorie della psicologia americana, come ad esempio quelle sul modello dell’intelligenza emotiva- sociale di Bar-On (1988) che definisce l’Intelligenza Emotivaun costrutto multifattoriale che comprende un insieme di abilità non-cognitive, di competenze e capacità che influiscono sull’ abilità dell’ individuo di far fronte alle richieste e alle pressioni dell’ambiente” (Zammuner, 2004 ), vengono utilizzate negli ambiti dove termini come motivazione e resilienza sembrano essere le parole magiche per ottenere qualsiasi risultato a nostro vantaggio. Ma quali sono le competenze emotive intra-personali teorizzate dallo psicologo e docente americano?
Innanzitutto la dimensione si riferisce alla consapevolezza delle proprie emozioni, alla comprensione e alla capacità di esprimere i propri stati d’ animo e i propri pensieri e si suddivide in cinque sottoscale.
La considerazione di sé, misura la capacità di rispettare se stessi e di accettare sia gli aspetti positivi che quelli negativi della propria personalità; l’autoconsapevolezza emotiva, descrive la capacità di essere consapevoli delle proprie emozioni e di essere in grado di discriminarle e di comprendere da che cosa sono scaturite; l’assertività, valuta l’abilità di esprimere i propri sentimenti pensieri e credenze in modo costruttivo e la capacità di difendere i propri diritti e punti di vista; l’indipendenza, esprime la capacità di essere sicuri e fiduciosi in se stessi, indipendenti e autonomi non ricorrendo agli altri per soddisfare i propri bisogni emotivi;  la realizzazione di sé, esprime l’energia che un soggetto impiega per raggiungere i propri obiettivi e l’ abilità per realizzare il proprio potenziale. Queste competenze nel suddetto modello di Bar-on si aggiungono agli altri quattro ambiti di competenze principali: le capacità interpersonali, le capacità di adattamento, le strategie di gestione dello stress e i fattori motivazionali e di umore generale.
L’intelligenza emotiva è pertinenza del lavoro dello psicologo (come spesso ripeto), ed è solo lo psicologo che per legge può intervenire nei pazienti o nella collettività per modulare queste competenze: l’abuso infatti delle teorie psicologiche e la loro applicazione in modo superficiale può causare danni importanti alle persone, come un abbassamento dell’autostima o l’aumento della frustrazione per il mancato raggiungimento di obiettivi prefissati col coach improvvisato o il counsellor non psicologo, vera piaga moderna della nascita di pseudo professioni importate dall’estero, ma che sfociano in Italia nell’abuso di professione a scopo di lucro e in promesse ingannevoli e spesso irrealizzabili. È infatti chiaro che le competenze intra- personali in argomento necessitano di un supporto psicologico per essere modulate o rimodulate in modo corretto: prendiamo come esempio un professionista che necessita di rafforzare le proprie competenze per raggiungere obiettivi professionali e personali che potrebbero aumentare il suo benessere psico-sociale in un periodo della sua vita poco soddisfacente; ebbene, solo uno psicologo professionista e qualificato potrà aiutarlo, essendo queste competenze emotive completamente dipendenti dai costrutti mentali personali di noi tutti.
Gli stimoli esterni ed interni son infatti recepiti dal singolo e dal gruppo in base a costrutti mentali interni strettamente dipendenti dai propri costrutti mentali, dall’educazione emotiva ricevuta sin dai primi anni di vita, dall’ambiente e da tutte le competenze succitate; vien da sé che dare soluzioni pronte e efficaci condendole con doti comunicative ammalianti non potranno offrire un reale raggiungimento di obiettivi duraturo nel tempo. Come può infatti un professionista non psicologo conoscere le emozioni che sottendono i costrutti dell’empatia, della motivazione, della resilienza e regolarle in modo professionale senza averle studiate? Come si può chiedere a un paziente (clienti nel caso dei coach) di impegnarsi nel volere e potere raggiungere degli obiettivi se non si sanno ad esempio riconoscere dei disturbi emotivi che impediscono il raggiungimento degli stessi? È importante capire l’importanza di affidarsi a un vero professionista, perché le emozioni son parte integrante della mente umana e solo dalla loro corretta regolazione potremo affrontare in modo propositivo ed efficace gli eventi stressanti della vita.

 

Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

CHRIS CAR RENT

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy