Attualità

Covid, Casa reclusione Is Arenas Arbus: i vaccini per il personale della Polizia Penitenziaria procedono a rilento

Casa di reclusione Is Arenas
Condividici...

Nella Provincia del Medio Campidano non tutte le forze dell’ordine sono state vaccinate contro il Covid. Manca solo la polizia penitenziaria. Infatti, a essere esclusi dalla profilassi, che ha coinvolto le forze dell’ordine a partire dal mese di marzo, è oltre il 50 % del personale della Polizia Penitenziaria, in servizio nella struttura penitenziaria arburese.

Una situazione molto grave, che mette a rischio la sicurezza di tutti i lavoratori, poliziotti e non, e all’interno della casa reclusione, denuncia la FP CGIL Polizia Penitenziaria regione Sardegna. “E grave è anche il silenzio da parte dell’A.T.S. di Sanluri, che rispetto ad altre realtà sarde sta ponendo all’ultimo il servizio penitenziario rispetto alle altre forze dell’ordine. Ancora una volta la Polizia Penitenziaria viene forse ritenuta un corpo di polizia figlio di un “Dio minore”, sottolinea anche il sindacato FP CGIL polizia penitenziaria, che  chiedendo chiarimenti in merito alla calendarizzazione dei vaccini anti-covid per il personale della struttura arburese.

“Siamo molto preoccupati”, afferma Sandro Atzeni, coodrinatore regionale della FP CGIL Polizia penitenziaria, «Ai poliziotti penitenziari si chiede solo di fare sacrifici, ma poi ricevono risposte inadeguate per attuare le migliori condizioni igienico-sanitarie e non si riconosce la dignità del duro e poco considerato lavoro che svolge per assicurare la legalità in luoghi dove c’è la massima concentrazione di criminalità. La Polizia Penitenziaria continua a essere considerata la cenerentola delle forze dell’ordine e questo deve finire. La necessità di proteggere gli agenti della Polizia Penitenziaria, dunque, è alta. Mentre altri corpi di polizia e forze armate proseguono spedite nella vaccinazione, per la penitenziaria questo non accade».

«Occorre far chiarezza sui motivi che rallentano le vaccinazioni del personale di Polizia Penitenziaria prosegue Atzeni – non solo di quelli che lavora a stretto contatto coi detenuti. Non vorremmo mai che questi rallentamenti derivino da ragioni di tipo ideologico perché, in questo caso, la gravità sarebbe enorme. Non si comprende il motivo per cui, a differenza di tante altre provincie, dove si è cominciata e quasi terminata la somministrazione dei vaccini, la provincia del Medio Campidano non ha dato nessun accenno di programmazione».

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy