Attualità Villamar

Dopo anni di attesa forse a una svolta la ristrutturazione del campanile

Condividici...

I soldi, circa 100mila euro, per la ristrutturazione del campanile (di proprietà del Comune) della chiesa di San Giovanni Battista ci sono e circa un mese fa è stato nominato il responsabile unico del procedimento alla realizzazione dell’opera. L’opera è stata inserita nel piano triennale 2016-2018: nella migliore delle ipotesi il campanile della chiesa parrocchiale sarà quindi ristrutturato nell’anno in corso, nella peggiore si dovranno invece attendere ancora due o tre anni.
Che gli iter burocratici per la realizzazione e/o ristrutturazione di opere pubbliche siano caratterizzati da tempi spesso lunghissimi non rappresenta certo una novità; questo un po’ perché le risorse a disposizione sono spesso legate al fardello del patto di stabilità e un po’ perché i passaggi dei denari dalle istituzioni più altolocate sino agli enti locali avvengono spesso con una lentezza esasperante. Infatti, dal giorno che un fulmine distrusse la parte alta del campanile sono passati quasi cinque anni. Dopo i lavori di messa in sicurezza della chiesa tutto è però rimasto com’era: il gigante, simbolo del paese, mostra ancora la sua corona deturpata.
Lunga e piena di peripezie la storia del campanile villamarese (raccontata da Antonio Sanna ndr). Intorno al 1603 ne fu finanziata la costruzione dalla diocesi di Ales. All’epoca il gigante marrone in stile romanico si presentava diverso da come appare oggi: una cupola ne sovrastava la parte alta: con tale ornamento, aveva un aspetto decisamente più maestoso ed elegante. Così si poteva osservare sino al 1903 quando un fulmine squarciò la cupola che, per ragioni di sicurezza, dovette esssere demolita. Quindi, dall’inizio del XX secolo il campanile si erge con la sua parte superiore coperta solo da un terrazzino. A più riprese il sindaco del primo decennio del 900, Sisinnio Paschina, si attivò per il rifacimento della cupola, tuttavia pare che le autorità regionali dell’epoca non acconsentirono alla ricostruzione in quanto la croce che la sovrastava era un simbolo che mal si prestava alla corrente politica dell’epoca.
Ed ecco che poco dopo più di un secolo si arriva a quella mattina del 4 settembre 2011 quando un terribile temporale si abbattè sul paese. Un fulmine colpì nuovamente il campanile e alcuni massi, staccatisi dalla parte alta, caddero sulla chiesa adiacente squarciandone il tetto. L’allora parrroco don Giancarlo Dessì gridò al miracolo: se in quel momento i fedeli si fossero trovati dentro la chiesa, oltre ai danni materiali si sarebbero potuti probabilmente contare anche danni fisici alle persone. Da quel giorno la chiesa non è stata agibile per oltre un anno, il tempo necessario per i lavori di messa in sicurezza. L’auspicio a questo punto è che un simbolo così importante possa tornare a risplendere in tutta la sua bellezza e maestosità. In fondo è proprio il campanile la prima cosa del paese che si può osservare, percorrendo la SS 197, dopo aver superato di poco il centro urbano di Furtei. A raccontare quanto sia entusiasmante poterlo scorgere in lontananza sono soprattutto gli emigrati villamaresi che, al rientro nel paese, è la prima emozione di casa propria che provano. Un simbolo importante che, come tale, merita la giusta attenzione affinché quanto prima venga rimesso a nuovo.

Simone Muscas

06fo- Il campanile in una foto del 1903 subito dopo la caduta del fulmine - si notano i segni della cupola colpita e le pareti deteriorate

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

LAVORA CON NOI!

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

GUSPINI         Via Gramsci n°2
TERRALBA     Viale Sardegna n°26
CAGLIARI       Via Corelli n°12
CAGLIARI       Via Tuveri n°29
VILLACIDRO  Via Parrocchia n°279

Vendesi a Torre dei Corsari in via delle Dune Appartamento arredato

RADIO STUDIO 2000

Laser Informatica di Sergio Virdis

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy