Economia & Lavoro

Emergenza Covid-19: Cia Sardegna chiede misure di sostegno per l’ortofrutta, la floricoltura e l’agriturismo 

Condividici...

La Confederazione Italiana Agricoltori Sardegna invia una lettera al presidente della Regione, Christian Solinas, e all’assessora dell’Agricoltura, Gabriella Murgia, per chiedere provvedimenti urgenti a sostegno delle aziende dei comparti ortofrutticolo, floricolo e agrituristico, le cui vendite di prodotti sono crollate a causa dell’emergenza coronavirus e della chiusura di porti e aeroporti, con il conseguente blocco dei mercati interni ed esterni alla Sardegna.

«In questo periodo di emergenza legata alla pandemia da Covid-19, le aziende agricole sarde stanno profondendo il massimo impegno al fine di garantire i necessari approvvigionamenti. Nonostante lo sforzo permangono elementi di oggettiva difficoltà di cui occorre tener conto; migliaia di aziende ortofrutticole e imprese floricole a causa della contrazione delle vendite nei mercati, vedono il loro prodotto invenduto, soprattutto nelle produzioni deteriorabili e destinate a mercati esterni alla Sardegna», scrive la Cia. «Gli stessi operatori di mercato e le cooperative che raccolgono la maggior parte delle produzioni destinate alla commercializzazione, hanno invitato i produttori a limitare o a non effettuare la raccolta. Questo determina danni enormi, con la perdita del prodotto in campo, l’invecchiamento delle piante, che diventano irrecuperabili, a cui si aggiungono le perdite derivanti dalla ricostituzione degli impianti, come per esempio nelle carciofaie», spiega la Confederazione nella lettera rivolta alla Regione. «Simili difficoltà le stanno affrontando le aziende agrituristiche, senza nessuna prospettiva di ripresa produttiva all’orizzonte».

In questo scenario la Cia propone alcuni interventi che potrebbero essere adottati per mitigare gli effetti negativi. Fra questi, sono ritenuti di fondamentale importanza alcuni di carattere logistico-organizzativo:

 

  • Garantire il sistema di circolazione delle merci nel mercato interno regionale e nazionale, potenziando i trasporti dalle campagne ai centri di distribuzione, anche in caso di ulteriori restrizioni alla circolazione e alle attività dettate da esigenze di contenimento dell’infezione.
  • Intervenire per garantire il completamento delle operazioni colturali quali la potatura, il diradamento e il completamento dei lavori di raccolta delle produzioni inverno-primaverili (carciofi, ortive a foglia verde) e l’imminente inizio delle operazioni di raccolta per il prodotto primaverile estivo, come ad esempio fragole, pomodori, frutta stagionale e ortive in genere.
  • Sostenere i rapporti di fornitura con la GDO, sensibilizzandole a privilegiare gli approvvigionamenti dai produttori ortofrutticoli locali, al fine di compensare i volumi del calo delle esportazioni.
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy