RUBRICA. PSICOLOGA

Emozioni e Decluttering

Condividici...

di Alice Bandino*

Il decluttering consiste nello sbarazzarsi di quegli oggetti che non ami e / o non usi più: si tratta di lasciare andare il passato, vivere il presente e spianare la strada al futuro. Questo processo di scelta apparentemente rivolto ad oggetti, in realtà avviene primariamente a livello psicologico, atto a liberare la mente dalla quota emotiva contenuta negli oggetti stessi, nei ricordi che essi conservano per noi e questo lo possiamo verificare proprio nella resistenza mentale che applichiamo nello sbarazzarci di “certi” oggetti.

Ci ripetiamo che alcuni oggetti sono stati costose da avere, hanno un valore sentimentale o magari “un giorno” potrebbero rivelarsi ancora utili: in maniera del tutto personale: in realtà basta dare uno sguardo ai nostri ambienti per accorgerci che “per trattenere oggetti forse un giorno utili, rendiamo inutili spazi interi delle nostre case”.

Il decluttering in risposta al disordine in casa, abbassa i livelli di ansia, migliora il sonno e la concentrazione, favorisce le relazioni interpersonali, svuota la quota affettiva degli oggetti, ridando importanza alle persone che la abitano e alle esperienze; inoltre,  quando i livelli di stress diminuiscono e la  mente diventa più sgombra, il corpo ha più energia e reattività anche per il sistema digestivo, i pazienti riferiscono  infatti meno episodi di  sintomi come gonfiore, reflusso, cattiva digestione e infiammazione di cui precedentemente soffrivano. Uno studio dell’Università di Princeton spiega che la consapevolezza e il fastidio del disordine esistente logorano alla lunga lo stato mentale e questo può renderci più propensi a sentirci frustrati e a prendere decisioni in modo diverso rispetto a quando abbiamo la “testa libera”.

Lo scopo del decluttering è di tenere tutto ciò che è necessario al nostro benessere, relegando il superfluo al macero o in sottotetti e cantine, lontano dalla quotidianità quando è ormai appurato che non ne trarremo nessun beneficio: è un lasciare andare parti del nostro passato importanti ma non più necessarie, anzi talvolta deleterie per la nostra crescita personale. A livello psicologico è controproducente nel tempo, restare legati a pensieri e emozioni intense, il rimuginare situazioni passate ci impedisce di vivere adeguatamente nel qui e ora, così come non potremmo mettere un armadio quattro stagioni  nuovo senza prima togliere quello in uso, allo stesso modo è difficile accettare nuovi pensieri, nuove esperienze, nuove realtà, nuove  relazioni  se ci ostiniamo a stiparli in una mente satura di ricordi o rimpianti o sensi di colpa. Non è un caso che le persone che stanno affrontando un percorso psicologico  su se stessi, man mano che rimodulano le proprie competenze emotive o socio-emotive, si distacchino da tutto ciò che li “appesantisce”: persone, situazioni, lavoro o percorso di studio  che fino a ieri riempivano  i nostri spazi e la nostra mente potrebbero in realtà essere la vera ragione del nostro malessere.

Cosa c’è di più straziante e disfunzionale per il nostro benessere mentale della paura di lasciare andare ciò che non è più adatto a noi? Si potrebbe obiettare che le relazioni non son semplici oggetti che prendi o sposti in base al bisogno, ed è vero, ma è anche vero che trattenere nella propria vita persone che col tempo son diventate negative o deleterie per il nostro benessere e lamentarsi in continuazione di loro o dell’effetto negativo che portano nelle nostre giornate è una perdita di tempo notevole. Fare pulizia, ordine, classificare i rapporti in base alla reciprocità non è un errore: l’errore è impiegare il tempo che abbiamo in dono (senza sapere quanto) vivendolo in maniera insoddisfacente e improduttivo con persone o in situazioni che reputiamo sterili, vuote e nocive che magari un tempo “arredavano” bene i nostri spazi vitali, ma che ora dobbiamo lasciar andare per far ordine e spazio al nuovo armadio di cui sopra!

*Psicologa

www.psygoalicebandino.it

Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy