RUBRICA. PSICOLOGA

Emozioni e disperazione

Condividici...

Vi sono delle competenze emotive che se ben gestite, permettono ad ogni individuo di tendere a una vita sociale e professionale serena che permetta un corretto e sano sviluppo psico-fisico. Il concetto stesso di benessere sociale ci stimola a ricercare relazioni sociali soddisfacenti e ad avere un nostro ruolo attivo nel funzionamento del tessuto sociale cui apparteniamo. Per competenze emotive ci riferiamo sia a quelle intrapersonali (autocontrollo, senso di realtà, resilienza, autostima, temperamento, mappe mentali, porsi obiettivi ecc) che interpersonali (tolleranza, spirito di gruppo, umiltà, empatia, motivazione, cooperazione, rispetto, accoglienza ecc). Il rovescio della medaglia del benessere sociale ipotizzato da numerosi studiosi è che di contro, se non vi è soddisfazione e stimoli adeguati e maturi a livello sociale, anche la salute psichica degli individui più a rischio potrebbe risentirne; per individui a rischio intendiamo minori, anziani, in generale le vittime di soprusi, abusi o violenze fisiche/ psichiche. La reiterazione e l’esposizione prolungata a situazioni di disagio e povertà intellettuale o emotiva può però portare a condizioni psichiche di disagio a carattere depressivo e di grado negativo, disagi che i colleghi angloamericani hanno racchiuso sotto due parole emotivamente significative:  hopelessness (pessimismo) e helpness (o helplessness, dalla semplice incapacità di chiedere aiuto agli altri alla totale impotenza e rinuncia degli obiettivi desiderati).

La Hopelessness Depression (HD), ad esempio, è un sottotipo di depressione che si distingue dalle altre forme di depressione non in base ai sintomi, ma alle cause profonde e arcaiche che la determinano.

Con questa forma di depressione, detta appunto hopelessness depression (Abramson, Metalsky ed Alloy, 1989) la persona è convinta di non avere speranza, né di poterla avere in futuro, pensa che gli eventi siano assolutamente negativi e di non essere in grado di fare nulla per modificare la situazione, si aspetta che risultati (o eventi) molto desiderati non si verifichino e/o che risultati (o eventi) molto dannosi si verifichino e che nessuna risposta possa impedire questi accadimenti, per cui si sente disperata, senza via di soluzione. Nei casi più gravi, questa patologia se non riconosciuta e trattata, può portare a suicidio o ripetuti tentativi nell’arco della vita; come prevenzione, prima ancora che a scuola, è importante che già in famiglia il bambino sia sostenuto e incoraggiato in caso di fallimento; umiliarlo, spronarlo con frasi adulte e comprensibili in età più avanzate, dopo esperienze accumulate nel tempo e dopo aver esplorato il mondo non certo a 3/4 anni, severità che può solo danneggiare un’autostima ancora in formazione a quell’età.

CORRELAZIONE POSITIVA

La remissione da adulto avverrà sia in risposta ad un evento positivo, che ridarà speranza alla persona (farà venir meno  la condizione hopelessness),  sia  in risposta alla diminuzione degli eventi negativi, correlati alla remissione della depressione,  ma solo se associati al cambiamento del suo stile attribuzionale (smettere di incolparsi con severità), perché vi è forte correlazione positiva fra queste due condizioni. In conclusione, gli studiosi dell’intelligenza emotiva promuovono il rafforzamento del benessere sociale e sensibilizzano a riconoscere e modulare le proprie emozioni, tutte competenze da esplorare e aumentare affinchè si raggiunga una soddisfazione matura che aumenti il grado di benessere globale percepito dal singolo. Rafforzare quindi i legami interpersonali, sensibilizzare alla solidarietà, alla socializzazione, alla tutela dell’ambiente, al rispetto, alla protezione delle altre specie viventi. Forse il senso della vita che tutti cerchiamo potrebbe essere racchiuso proprio nel vivere bene nella propria pelle (in primis, come da sempre consigliato dagli psicologi) senza trascurare però il proprio ruolo attivo sulla terra, in stretta collaborazione con “gli altri”.

Dott.ssa Alice Bandino

psicologa, psiconcologa

www.psygoalicebandino.it

Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy