Cagliari Elezioni Comunali

Francesca Saragat: “Un’istruzione inclusiva per un futuro migliore”

Francesca Saragat
Condividici...

di Antonio Obinu

Domenica 16 Giugno la città di Cagliari tornerà al voto per le elezioni amministrative dopo le dimissioni dell’ex sindaco Massimo Zedda, candidato governatore per il centrosinistra nell’ultima consultazione per le regionali di Febbraio. E’ la quarta volta che i cittadini del capoluogo sono chiamati alle urne negli ultimi mesi: si è iniziato a Gennaio con le elezioni suppletive alla Camera; proseguito come già citato con le regionali; lo scorso 26 Maggio le Europee e adesso si vota per il rinnovo del Consiglio comunale. A correre per la carica di Sindaco sono Francesca Ghirra per il centrosinistra; Paolo Truzzu con il centrodestra e Angelo Cremone con i verdi. L’importanza della competizione è testimoniata anche dal numero di liste a sostegno dei candidati; 7 per Ghirra e 11 per Truzzu; una sola per Cremone. La città è divisa tra una riconferma delle politiche dell’amministrazione uscente e un cambiamento radicale così come avvenuto nelle ultime consultazioni regionali; la lista ecologista nel ruolo di outsider. Per conoscere da più vicino uno dei candidati ho intervistato Francesca Saragat: 43 anni, laurea in scienze politiche. Funzionaria presso la Regione Autonoma della Sardegna, sposata con 2 bambine è candidata con Campo Progressista per Francesca Ghirra sindaca.
Come mai hai preso la decisione di candidarti?
Mi sono candidata alla carica di consigliera comunale perché amo Cagliari, la città dove vivo e dove vorrei mettere a disposizione della collettività le competenze che ho acquisito negli anni come dipendente di una pubblica amministrazione in un’ottica di continuità con la precedente giunta guidata dal sindaco Zedda grazie alla quale Cagliari è cresciuta in maniera esponenziale in diversi campi. Vorrei promuovere opportunità di partecipazione, inclusione e sostegno alle categorie che rappresento: le donne e le madri, per le quali richiedere maggiori attenzione da parte delle istituzioni.
Se venissi eletta, quale sarebbe la prima cosa che ritieni venga fatta?
I temi che mi piacerebbe portare in consiglio sono tanti, ma in considerazione dell’alto tasso di abbandono scolastico parlerei soprattutto della scuola per l’importanza che le deve essere data nel tessuto sociale, punto di partenza per la formazione consapevole dei cittadini di domani. La scuola è anche un punto importante del programma della candidata sindaca Francesca Ghirra, ricoprendo un ruolo centrale nelle politiche di sostegno dei minori. Per realizzare questo progetto sarebbe necessario coinvolgere le direzioni didattiche per promuovere un ciclo di formazione continua a partire dalla prima infanzia con progetti di sostegno alla genitorialità. Personalmente ritengo necessario rafforzare le politiche di intervento al sistema tariffario, introducendo nuovi indicatori che tengano conto dei diversi fattori della vita familiare e consentano l’inserimento di un maggior numero di minori in condizione di fragilità economica e sociale. Ritengo altrettanto importante intervenire su progetti di carattere sociale come l’educazione stradale, la lotta alla tossicodipendenza e alle ludopatie; rafforzare il senso di appartenenza alla comunità in un’ottica di integrazione e condivisione. Essenziale a questo proposito deve essere una azione di integrazione e accoglienza dei minori stranieri non accompagnati con la realizzazione di progetti di inclusione sociale. Azioni volte al raggiungimento del benessere sociale.
Hai pensato ad uno slogan che accompagna la tua candidatura?
Un’istruzione inclusiva per un futuro migliore

 

.

Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

claudio canalis

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy