Sport Ciclismo

Guasila, Paolo Massenti conquista le Alpi: di nuovo in sella dopo mesi di stop

Condividici...
di Fabiola Corona
_______________________________________

 

Paolo Massenti torna in sella alla propria bici per aggiungere nuovi traguardi alla sua carriera d’atleta. Dopo i mesi che lo hanno visto in pausa a causa di un brutto incidente, lo scorso 25 giugno ha partecipato alla gara ciclistica “Alpi 4000” insieme ad altri 280 ciclisti provenienti da tutto il mondo e in rappresentanza di circa 30 nazioni.

Lo scorso settembre, Paolo Massenti, durante un evento benefico, è caduto dalla propria bicicletta riportando numerose fratture tra cui una scomposta al bacino, incidente che lo ha costretto a letto per mesi.

«Mi sono rimesso in piedi verso la fine di dicembre, ho dovuto imparare nuovamente a camminare e i medici sostenevano che prima del 2023 non sarei riuscito a correre. È stato un periodo molto difficile perché vedere me stesso passare da mille a zero, stando immobile e dover dipendere in tutto da un’altra persona, è stato davvero molto tosto a livello mentale. Ringrazierò eternamente mia moglie che mi è stata accanto. Tutti i medici mi hanno detto che la difficoltà maggiore è ripartire proprio dalla mente, per me invece quella è stata la parte più semplice, nel senso che da subito ero determinato a rientrare e a farlo il prima possibile e infatti tutti sono rimasti sorpresi dai tempi veloci di ripresa e  da come sono rientrato: nel mese di marzo, a Sinnai, ho riiniziato con le gare ciclistiche piazzandomi al quinto posto nella categoria assoluta e primo nella mia categoria in mountain-bike», racconta Paolo Massenti.

Dopo l’allenamento e la fisioterapia, le prime vittorie in primavera: il campionato sardo di cronoscalata a Gesturi, il campionato sardo a cronometro individuale tenutosi a San Giovanni Suergiu e il campionato sardo su strada a Porto Scuso. L’ultima gara disputata è stata invece la “Alpi 4000” tenutasi tra il 25 giugno e il 1 luglio di quest’estate, una gara di pre-qualificazione per la più nota Parigi-Brest-Parigi, gara internazionale di ciclismo su strada a cui Massenti si qualificò già nel 2019.

1.460 chilometri e 21.500 metri di dislivello attraversando le Alpi da est a ovest: partendo da Bormio, attraversando tutte le salite più iconiche del ciclismo professionistico tra cui il Gavia, il Mortirolo, Aprica, Ghisallo, Oropa, il Colle del Nivolet e il Colle delle Finestre, il Passo dei Tre Termini, la Cocca di Londrino, il Passo San Rocco, la strada della Forra, Tremosine sul Garda, Molveno, Andalo e il Passo delle Palade, per concludere con un giro nello Stelvio e tornare a Bormio.

«Come tutte le gare di questa tipologia, è fondamentale rispettare i cancelli orari: il tempo limite era di 150 ore, io ci ho impiegato 115 ore, terminando il 30 giugno intorno alle 2 del mattino. Sono stato abbondantemente dentro, nonostante le difficoltà incontrate, infatti a causa dell’incidente ho perso gli ispessimenti ai piedi e quindi sento la fatica molto facilmente», spiega Paolo, «È stata una gara molto impegnativa, anche rispetto agli altri eventi di questo tipo, e però mi ha dato la possibilità di conquistare un posto nella nazionale italiana ARI (Audax Randonneur Italia).

Tra i progetti e le gare future, il ciclista soprannominato “Mesu Maccu” ne ha una molto speciale dedicata alla Sardegna: «Lo scorso 13 luglio abbiamo presentato a Baradili, durante una conferenza stampa, il nuovo progetto che mi vedrà protagonista: attraversare tutti i Comuni della Sardegna in un unico giro ad anello in un tempo di circa 15 giorni, un “no stop” molto estremo insomma. A breve apriremo un crowdfunding con Sebastiano Dessanay, che nel 2019 fece un progetto simile ma in campo musicale, il “377 project”: 377 comuni dell’isola in 377 giorni, in bicicletta, e 377 frammenti musicali. Ci stiamo lavorando da due anni e mezzo e ora stiamo arrivando a concretizzare il tutto», così Paolo Massenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy