banner1_lagazzetta
ffserci
striscione_banner
ALP
previous arrow
next arrow
Economia & Lavoro

Guspini, causa la crisi energetica oggi è stata attivata la cassa integrazione alla Ceramica Mediterranea

Condividici...

La situazione che si vive nel mondo produttivo a causa della questione energetica è veramente paradossale. Oggi abbiamo attivato la procedura che porta all’apertura della Cassa integrazione ordinaria per Ceramica Mediterranea Spa, con sede a Guspini.

«Un’azienda che occupa 117 persone, 108 delle quali in Sardegna e che ha avviato un piano di rilancio puntando su sostenibilità e idrogeno, con investimenti per oltre 15 milioni di euro che porteranno la fabbrica da una produzione di 300 tonnellate al giorno a 450 tonnellate al giorno di “atomizzato” per la produzione di gress porcellanato. Nonostante questo aspetto, e il fatto che siano in crescita le richieste di manufatti, l’azienda è costretta a ricorrere agli ammortizzatori sociali. E questo perché a pesare sui conti sono i costi energetici. Troppo elevati al punto da rischiare di compromettere le produzioni. Il prezzo dell’energia elettrica è ulteriormente cresciuto, passando, in queste settimane, da 0.5 centesimi a 0,60 centesimi al kw/h, quello del gas da 0,50 a circa 0,85 euro al kg rendono difficoltosa l’attività produttiv», affermmano Emanuele Madeddu della Filctem Cgil, Lorenzo Mallica della Femca Cisl e Elena Dejas della Uiltec Uil.

«Nonostante il notevole valore aggiunto rappresentato dal fatto di avere le materie prime a chilometro zero rispetto alla concorrenza del polo ceramico di Sassuolo dove l’approvvigionamento dell’argilla è in prevalenza di provenienza Ucraina», proseguono i tre sindcalisti, «ancora una volta a gravare sul sistema di produzione sardo è la mancanza di gas, combustibile necessario per far funzionare gli impianti, e i costi dell’elettricità sempre più alti. A questo punto è necessario che si attivi un percorso che possa garantire le produzioni e quindi possa salvaguardare professionalità e posti di lavoro. Non è pensabile che davanti a un’impresa che continua a credere nei lavoratori e che vuole investire risorse proprie per valorizzare le produzioni la Regione e le altre istituzioni non facciano neppure un passo. La nostra richiesta è chiara ed esplicita: si devono dare risposte e compiere atti affinché siano garantite pari opportunità con le aziende del resto della penisola».
«A sostegno dei lavoratori e affinché il mondo produttivo possa avere le stesse condizioni che identiche aziende hanno nel resto d’Italia, lanciamo la mobilitazione con iniziative volte a portare a soluzioni delle numerose vertenze aperte», concludono Emanuele Madeddu,  Lorenzo Mallica ed Elena Dejas.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

ecco qualche nostra proposta….

IMG-20231027-WA0002
IMG-20231007-WA0003-1024x623
IMG-20231104-WA0035-1024x623
previous arrow
next arrow
 

CLICCA sotto PER LEGGERE

RADIO STUDIO 2000

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy