Cultura Mostre

Guspini, pittura e fotografia: la prima … dell’associazione Caleidoscopio

Giovanni Gioi
Condividici...

di Sandro Renato Garau

______________________

 Nella sede della neonata Associazione Caleidoscopio, in Via Petrarca 2, dopo l’inaugurazione della casa avvenuta il 1° febbraio ecco le prime due mostre, una di pittura e una di fotografia, a disposizione di coloro che desiderano conoscere due autori sardi.
La mostra rimarrà aperta per tre fine settimana nel mese di febbraio, il 15-16/ 22-23 e il 28-29 dalle 16 alle 20. Gli autori, diversi per sensibilità e nello sguardo sul mondo hanno esposto le loro opere, tra gli oggetti della cultura contadina presenti a casa Murgia.

Il pittore Giovanni Gioi, desulese di nascita ma oristanese da 50 anni presenta dieci di grandi dimensioni dal titolo: “Emozioni – Il volo dell’anima”. I colori vivi e le tecniche usate illuminano l’ambiente espositivo valorizzandole. L’ interesse per la pittura di Giovanni Gioi, come dice lui stesso, risale agli anni 70.
Nel 1971 si iscrive all’Istituto d’Arte di Oristano. L’incontro con l’artista siciliano Antonio Amore, suo insegnante, segna la sua attività artistica in modo indelebile. Il maestro “ne asseconda e stimola l’ammirazione per l’impressionismo di matrice tedesca”.
Lentamente la pittura lascia il posto ad altre forme di manifestazione artistica, diventa, infatti, Maestro d’Arte del Legno, attività che non lascerà del tutto, come è possibile vedere tra i suoi quadri, perché ai pennelli sostituirà, a seconda delle necessità, le spatole della vecchia arte capaci di dare al colore deciso delle creazioni quell’entusiasmo che ne decide la forma modellandone il contenuto.
Da questa prospettiva il passo verso la fotografia sembra obbligatorio e Giovanni Gioi “ne farà il suo mestiere”, salvo poi tornare, più maturo, alle spatole e ai colori che sintetizzano, nelle opere esposte a casa Murgia, la sua percezione della realtà e il suo desiderio di sentirsi “parte del tutto”.

Alcune stanze del piano superiore ospitano, inoltre, la personale fotografica di Mauro Liggi, “VITA PANIKA dentro al circo Paniko”. L’autore, impegnato anche nel sociale è un medico con la passione per la fotografia, quella in bianco e nero, soprattutto, egli vuole raccontare con i suoi scatti il quotidiano che tra luci ed ombre diventa eccezionale, “l’eccezionale quotidiano”.
Le storie del circo non sono banali né frutto di fantasia, anche se a volte la superano. Sono squarci di realtà che l’artista coglie intenzionalmente con il suo obiettivo per indagare, anche solo in uno sguardo o un gesto, la profondità dell’essere, le angosce, le paure e il loro contrario. A ogni scatto una storia, una sensazione, un’emozione.
Il Cirko Paniko del Liggi non ospita animali, l’unico che ha asilo è l’uomo con le sue storie che intrecciano, spesso confondendosi, teatro e vita, con tinte pirandelliane, e dando alle immagini un forte valore celebrativo della realtà. Le foto colgono lo spettacolo del circo offrendo uno spaccato del quotidiano che, come scritto nella presentazione della mostra, è “l’intrecciarsi del racconto narrativo, tra comicità, riflessione, adrenalina, risate”. In controluce, quello che avviene dietro il tendone fa intravedere una vicinanza tra persone che è poi consuetudine, quella “prossimità che tra le persone serve a scaldare cuori e menti, a farti compagnia”.
Questi gli scatti proposti da Mauro Liggi, fotografo impegnato anche nel sociale.

 

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy