CULTURA. EDITORIA

Guspini: venerdì 17 giugno, nella sede Auser, presentazione del libro di Francesco Carta “Banditi in miniera”

Condividici...

di Maurizio Onidi

________________

Organizzata dal Sindacato Pensionati italiani della Cgil, lega di Guspini in collaborazione con l’associazione Auser, sezione di Guspini e il patrocinio dell’amministrazione comunale, venerdì 17 giugno, alle 17, nella sede Auser, in via Togliatti 1, presentazione del romanzo storico di Francesco Carta “Banditi in miniera”, Alfa editrice.

«Lo scenario entro cui i personaggi e le vicende del libro prendono forma è la terra di Sardegna. Lo spazio temporale nel quale l’intera vicenda si colloca,  ci riporta nel diciannovesimo secolo, epoca in cui il lavoro di estrazione mineraria di argento e arsenico, diviene progressivamente il cuore pulsante dell’attività produttiva dell’allora Regno di Sardegna», dichiarano Marinello Frau, segretario Lega Spi-Cgil Guspini, e Carmen Marongiu, presidente Auser Guspini, «La terra sarda era ricca di preziosi minerali, l’ossidiana, il rame, lo stagno, il ferro, il piombo e poi l’argento,  ricchezza che l’uomo ha saputo apprezzare  e sfruttare sin dai tempi remoti. I “Banditi in miniera” sono quelli “del periodo d’oro”,  dello sfruttamento delle risorse minerarie, che fu  preceduto da un intenso attacco al patrimonio naturale dell’isola,  voluto da avidi padroni che non risparmiarono boschi e corsi d’acqua per ricavarne lauti profitti. Ma non tutti i sardi furono disposti a tollerare lo scempio. In uno dei tanti paesi minerari dell’isola un sindaco alzò la voce contro questi predatori . La storia gira attorno a questa rivolta. La vita è quella dei gesti quotidiani, semplici e sinceri. La miseria regna su tutto ma la dignità è immensa», sottolineano gli organizzatori.

«La protagonista, Olga,  ci conduce in questo mondo dimenticato eppure vivo, dove le condizioni dei lavoratori, che sono anche lavoratrici  e bambini non ancora adolescenti, colpiscono grazie alle descrizioni dai toni fortemente realistici, che fotografano e denunciano lo sfruttamento dei molti a vantaggio di pochi. La riduzione in schiavitù, senza tutele né diritti in nome di un profitto che lungi dal migliorare l’esistenza della povera gente. Non tutto però è miniera, la miniera è all’interno di un paesaggio fantastico allora come oggi. Strade, sentieri, spiagge e montagne, una terra che ci viene restituita, in tutto il suo fascino, la sua meraviglia, il suo mistero. E proprio il senso del mistero è uno degli espedienti del  meccanismo narrativo del libro, che  ha per protagonista una donna, Olga, alla quale viene affidato un delicato incarico… non aggiungiamo altro per non togliere al lettore la soddisfazione di scoprire il mistero. Francesco Carta, riversa in queste pagine la sua esperienza nelle gallerie di carbone della Carbonsulcis, come minatore, prima di assumere il ruolo di delegato sindacale e in seguito di segretario della federazione dei chimici Cgil del Sulcis, in qualità di responsabile dei minatori, per oltre due decenni», commentano Carmen Marongiu e Marinello Frau.

Gian Paolo Pusceddu, direttore della Gazzetta del Medio Campidano, dialogherà con l’autore.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

LAVORA CON NOI!

RADIO STUDIO 2000

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy