Attualità

I ritratti di Dessì per raccontare Assolo

Pierluigi Dessì
Condividici...

In paese un fotografo non c’è più.

Per alcuni giorni ne è arrivato uno professionista e ha raccontato la comunità locale, scattando e poi donando a ogni cittadino e ogni famiglia un ritratto “fotografico”.

Originalità di rapporti e stretto legame con il piccolo centro di Assolo permeano la mostra “A immagine e somiglianza” di Pierluigi Dessì, la terza esposizione della seconda tappa del progetto “Fotografia contemporanea in Marmilla”, ideato e gestito dall’associazione “Su Palatu Fotografia” grazie a un sodalizio con il Consorzio Turistico “Due Giare”.

La mostra sarà inaugurata domenica 19 settembre alle 17 in via Santa Maria, ad Assolo.

Dopo i racconti di Simone Deidda e Ambra Iride Sechi di Usellus e Gonnosnò, questa volta toccherà a Pierluigi Dessì far conoscere attraverso i suoi scatti il paese dell’Alta Marmilla, ai piedi dell’altopiano della Giara, attraverso i volti, i sorrisi, gli sguardi dei suoi abitanti.

«Volevamo far conoscere con le foto in maniera originale i nostri Comuni e ci stiamo riuscendo ancora una volta», ha esordito il presidente delle Due Giare Lino Zedda.

IL LAVORO Pierluigi Dessì, 57 anni, fotografo professionista di Cagliari, con oltre trent’anni di esperienza alle spalle, ha esordito: «È abbastanza diffusa la convinzione che sia importante esaltare le differenze, le specificità presenti nei vari luoghi, anche nei paesi. È sufficiente pensare all’impianto della comunicazione nel settore turistico, per capire che si parte da questo presupposto: venite qua perché abbiamo mare più bello, piatti più buoni, i boschi più belli con gli alberi più alti. Io invece sono partito dal presupposto opposto, le comunanze, cosa ci accomuna. L’altro aspetto alla base del mio lavoro è il concetto di utilità. Mi chiedo spesso l’utilità di ciò che faccio, ho una formazione commerciale e pubblicitaria e sono abituato a realizzare fotografie che servono, che abbiano uno scopo anche molto pratico e concreto». Dessì ha realizzato, fra i suoi progetti, le immagini per la campagna internazionale alla nascita di Video On Line, dal 1994 al 1996 e un importante reportage sulle attività industriali di circa 200 aziende dislocate nel Centro e Sud Italia commissionato da “IG Imprenditorialità Giovanile”. Il fotografo professionista ha proseguito: «Partendo da questi due presupposti ho contattato l’amministrazione di Assolo e ho raccontato cosa volessi fare. Mi volevo mettere a disposizione del paese e della comunità come fotografo».

I RITRATTI Pierluigi Dessì ha sottolineato: «Il paese non ha un fotografo e io ero lì, disponibile per loro, a realizzare un ritratto per ciascuno di loro. In cambio avrei dato la stampa fotografica del ritratto appena fatto. E così è stato. Ho allestito un piccolo set nella casa Fanari, il Comune ha avvisato la comunità della presenza del fotografo in quei giorni e chiunque poteva approfittarne per farsi fare un ritratto e avere poi una copia, una stampa da portare a casa e conservare. Sono molto soddisfatto degli incontri fatti. Il ritratto e la fotografia sono questo, è l’incontro con le persone, incontro fra fotografo e luogo, ambiente e fra persone».

LA MOSTRA Incontri fotografici dai quali è nata la mostra, che sarà inaugurata domenica 19 settembre alle 17 ad Assolo, in via Santa Maria. «Il titolo è stata un’inevitabile conseguenza: “A immagine e somiglianza”», ha aggiunto Dessì, «guardando l’altro guardiamo noi. Ci si mette in gioco decidendo di incontrare gli altri. Io ho avuto tanti regali quante persone ho incontrato, ognuno di loro ha regalato a me qualcosa, uno sguardo, delle parole». Lo ha seguito Salvatore Ligios, presidente dell’associazione “Su Palatu Fotografia”, che ha curato la mostra con Luca Spano: «La scelta di fare i ritratti a tutte le persone che desideravano approfittare della presenza in paese di un fotografo professionista era per Pierluigi Dessì come ripercorrere un viaggio a ritroso nella storia della fotografia. Una sfida praticamente temeraria nel tempo dei dispositivi che offrono la possibilità di trasformate tutto in immagine e in pochi secondi condividere in rete. Questo l’elemento in chiaro della campagna fotografica: ridare allo scatto fotografico un ruolo non consumistico e fuggitivo, per ricondurre la partita a un incontro cosciente tra il fotografo che offre un servizio di riproduzione e il modello che si fa immortalare a futura memoria».

Lino Zedda

TAGLIO DEL NASTRO Venti gli scatti. Prima dell’inaugurazione nella vicina Casa Fanari si terrà l’incontro con il pubblico preceduto dai saluti del sindaco di Assolo Giuseppe Minnei, del presidente del Consorzio Due Giare Lino Zedda, del presidente dell’Associazione Su Palatu Fotografia e curatore Salvatore Ligios e dello stesso fotografo Pierluigi Dessì. L’esposizione, allestita all’aperto, si potrà visitare a qualsiasi ora del giorno sino al 13 novembre 2021. Il presidente del Consorzio Due Giare Lino Zedda ha chiuso: «Ogni mostra stupisce per il suo particolare punto di vista sulla comunità, che racconta. Era proprio questo il nostro obiettivo. Far conoscere i nostri comuni in maniera nuova e diversa. Anche questa è promozione turistica».

LE ALTRE MOSTRE La mostra di Simone Deidda, ospitata nella corte della biblioteca comunale di Usellus, potrà essere visitata sino al prossimo 11 novembre, quella di Ambra Iride Sechi nella corte del museo comunale di Gonnosnò sino al 7 novembre. Sabato 25 settembre taglio del nastro a Sini per la mostra di Isabella Muzzu.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy