Attualità Serrenti

Il presidente della Pro Loco Italo Corongiu: “Santa Vida è a rischio per il futuro, mancano i volontari”

Condividici...

Non si conoscono le date precise, già nel VII secolo si parlava di Santa Vitalia come tradizione antica, a dirlo è Felice Putzu, nella sua ricerca pubblicata nel 1948.  Adesso, dopo secoli di feste l’organizzazione di Santa Vida de Serrenti è a rischio. Sono i fatti a dimostrarlo come ricorda il presidente della Pro Loco Serrenti Italo Corongiu: “Organizzare la festa sta diventando sempre più complicato per via di tutte le normative che, giustamente, di anno in anno si moltiplicano. Le responsabilità aumentano, l’evento risulta di grande impatto, di conseguenza ad alto rischio, e ciò comporta ingenti operazioni, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza ed il soccorso sanitario”.
Quest’anno a disposizione c’era un medico, dal sabato al lunedì, dalle 10 alle 24 mentre le ambulanze sono state dislocate in vari punti. “Ma ciò che davvero mette a rischio la buona riuscita di questa festa – aggiunge il presidente Italo Corongiu –  non è la normativa, i problemi sono interni alla Pro Loco.”

All’interno dell’organizzazione, i soci sono pochi, e di questi pochi ancora meno sono quelli che davvero lavorano a tutte le iniziative come evidenzia ancora il presidente “La Pro Loco di Serrenti non è solo Santa Vitalia e non deve esserlo, si potrebbe fare molto di più, molte altre manifestazione, ma serve un cambio generazionale”. A fare questo cambio si era già provato nel non lontano 2013 ma dopo appena due anni i ragazzi che avevano preso le redini del gruppo si sono dimessi”.

La presidenza è tornata allora nuovamente ad Italo Corongiu che in passato ha guidato l’associazione turistica con grande impegno e disponibilità: “Ho accettato l’incarico per non far morire la festa. Sarebbe ora che la comunità si prenda l’impegno perché il rischio è che svanisca una tradizione ormai ultracentenaria per colpa della pigrizia”.
Intanto anche quest’anno la popolazione si è organizzata nel migliore dei modi ed ha riempito  di colore rosso ed oro, colori simboli per la martire, il paese. Tutto ciò significa che, nonostante tutto, i cittadini sentono ancora vivo il culto e chissà magari questo sarà il momento  giusto per aggiungere persone volenterose tra i soci. Per entrare all’interno dell’organizzazione è necessario fare la relativa domanda e pagare una piccola quota simbolica. Per farlo basta contattare la Pro Loco Serrenti, recandosi in sede o utilizzando i canali social.

Emanuele Corongiu

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy