RUBRICA. PSICOLOGA

La psicologia positiva

Condividici...

La branca della Psicologia Positiva mira a costruire il benessere sul pianeta, sostenendo quindi che il benessere personale è «costruibile». “Gli psicologi comportamentisti nella prima metà del XX secolo erano ottimisti: credevano che potendo eliminare le condizioni disabilitanti dell’esistenza (povertà, razzismo, ingiustizia), la vita dell’uomo avrebbe subito una trasformazione in meglio. In contrasto con il loro spensierato ottimismo però molti aspetti del comportamento umano non cambiano in via permanente”, con queste parole il  fondatore della Ps.Positiva, lo psicologo americano Martin Seligman descrive il “passaggio” che ha rivolto l’attenzione degli studiosi sull’ipotesi che la  felicità interiore personale dell’individuo  migliora il benessere globale e non viceversa, soprattutto in termini di durata nel tempo. “La speranza che un miglioramento delle gioie materiali potesse rendere la gente più felice in via definitiva fu scoraggiata da uno studio sulle persone che vincevano alla lotteria, le quali erano più felici per alcuni mesi dopo il loro colpo di fortuna, ma in breve tornavano al loro solito livello di cupezza o allegria se erano già precedentemente individui poco felici”.

Così negli anni duemila la Psicologia Positiva “esplode” uscendo dai corsi di nicchia di psicologia per giungere ai corsi per operatori sanitari che iniziavano a trattare le  psicopatologie (come la depressione) con tecniche alternative agli psicofarmaci, insegnando gli esercizi di positività e portando i dati delle ricerche nei convegni aperti al pubblico, nella prevenzione, fino all’applicazione della stessa al Social Marketing arrivato anche da noi.

Ecco, la Psicologia positiva pone al centro della qualità della vita la nostra felicità mentale, in modo serio e profondo. Il sostegno psicologico, come spesso ribadisco è per legge competenza dello psicologo e il motivo è semplice: può un motivatore non psicologo che ha seguito qualche corso di motivazione “ricostruire” l’autostima di chi si trova davanti in modo profondo? Questo motivatore ha le competenze per gestire le crisi emotive che potrebbero investire la persona, quando l’effetto esaltante delle foto prima e dopo passerà? E l’autostima stessa del motivatore è sana? Se il suo desiderio è agire sul benessere psicologico  delle persone, sulle loro emozioni, sulla loro autostima perché non impegnarsi per diventare uno psicologo vero scegliendo invece percorsi alternativi? Non è campanilismo, ma consapevolezza che troppo spesso si cerca di agire sulla debolezza emotiva delle persone in modo improvvisato e pericoloso, mentre la psicologia lavora per migliorare dal profondo, per capire cosa ci rende felici e come raggiungerlo in base alle nostre emozioni, non al “si deve fare così”. Non esiste nessun prodotto magico che ci cambi la vita se non siamo felici dentro: pensiamo troppo a ciò che va male e non abbastanza a ciò che va bene nella nostra vita; ha senso analizzare gli eventi negativi per trarne un insegnamento ed evitarli in futuro mentre concentrarsi sugli effetti negativi ci predispone all’ansia e alla depressione. La psicologia positiva inoltre promuove e incoraggia i rapporti interpersonali attivi e costruttivi per il nostro benessere personale e sociale.

Alice Bandino,

psicologa,

www.psygoalicebandino.it

Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

CHRIS CAR RENT

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy