Attualità

“La Sapienza del Villaggio”, il futuro di Planargia, Montiferru e Alto Campidano

Condividici...

Restare a vivere in una piccola comunità, per scelta e non per necessità, e sulle sue caratteristiche puntare per creare sviluppo, crescita economica e nuova occupazione.
Passa attraverso “La Sapienza del Villaggio” il futuro di Planargia, Montiferru e Alto Campidano: due Unioni, 20 Comuni, 29 mila abitanti che hanno chiamato così il loro progetto, 7 azioni e oltre 30 interventi, chiuso oggi a Milis dall’assessore Raffaele Paci e finanziato con 14 milioni e mezzo di euro, di cui 2 e mezzo destinati ai bandi per le imprese locali. Si tratta del diciottesimo progetto chiuso dalla Regione all’interno della programmazione territoriale che mette complessivamente in campo 500 milioni di euro.
“Nel nome di questo progetto troviamo una delle chiavi fondamentali della nostra programmazione territoriale, cioè la riscoperta del grande patrimonio delle nostre comunità individuato come punto di ri-partenza per lo sviluppo”, afferma l’assessore regionale Raffaele Paci. “Dunque ripartire dalla Comunità, ripercorrerne la storia, analizzarne le caratteristiche per ricostruire un quadro attuale di ciò che ancora oggi merita di essere valorizzato e di ciò che contemporaneamente può e deve rimanere radice del passato ma humus del presente. E in queste Comunità continuare a vivere, non per la necessità imposta dalla carenza di alternative più allettanti, ma per una scelta consapevole, meditata e vantaggiosa. Nelle tradizioni uniche e produzioni tipiche dei nostri paesi c’è tutto quello che serve per costruire un nuovo sviluppo, fatto di posti di lavoro, di una migliore qualità della vita, di una offerta unica per i turisti. Puntare su tutto questo, con un progetto voluto ed elaborato da quelle stesse comunità, significa aver capito quale è il vero antidoto allo spopolamento dei nostri paesi”, sottolinea il vicepresidente della Regione.
Eccole, in sintesi le sette azioni del progetto in dettaglio.
Percorsi ambientali, dei fiumi e delle acque, per sfruttare la marginalità come valore: i centri costieri diventano canali per l’attrazione e la distribuzione dei flussi turistici dalla costa verso l’interno. E così Bosa e Cuglieri sono le porte di accesso dal mare, a partire dalle quali attraverso i percorsi ambientali il visitatore e accompagnato verso le aree interne.
Percorso di valorizzazione del territorio e delle produzioni tradizionali-identitarie (Malvasia e Vernaccia): si presentano al turista le zone di produzione dell’uva, le attrezzature, le tecniche tradizionali per la lavorazione e la conservazione del vino, nonché gli ambienti destinati alla stagionatura, attraverso sentieri del vino che valorizzino tutto l’ambiente nel suo complesso.
Messa in rete e valorizzazione degli attrattori culturali e identitari: recupero, restauro e messa in sicurezza dei siti; messa a punto degli allestimenti; messa in rete degli attrattori archeologici, culturali, identitari e di fede in un percorso articolato che coinvolga pubblico e privato; visibilità del prodotto turistico.
Competitività del sistema produttivo: sostegno alle imprese locali attraverso un Bando Territoriale nei settori  turismo, servizi al turismo, produzioni tipiche, cura e manutenzione del territorio, sociale, con una attenzione particolare alla nascita di cooperative di comunità. I bandi territoriali sono uno dei risultati più importanti raggiunti dalla Giunta in questi anni, mai centrato in passato, che permette di calibrare i bandi sulle esigenze specifiche delle sole imprese di un territorio.
La comunità e i suoi bisogni, primo fra tutto quello di anziani e famiglie con bambini, attraverso cooperative di comunità e associazioni.
Miglioramento dei servizi essenziali del territorio, cominciando da scuole e infrastrutture.
Governance Territoriale, per una rapida e snella realizzazione dei progetti.
Diciotto progetti chiusi (con oltre 300 milioni già stanziati per 25 Unioni, 197 Comuni, 720mila Sardi), altri 2 da firmare entro febbraio, e poi ancora 6 avviati. Totale: 26 progetti, 37 Unioni coinvolte, 295 Comuni, ovvero il 100 per cento di quelli ammissibili, in una programmazione territoriale fortemente innovativa che vede le Comunità locali protagoniste assolute nell’elaborazione dei progetti e che per la prima volta coinvolge le imprese .
Oltre 100 milioni sono inoltre stati destinati ad altri interventi i territoriali: i tre ITI per Cagliari, Sassari e Olbia, le Snai Alta Marmilla e Gennargentu Mandrolisai, il Sulcis e il Piano per il Nuorese che coinvolgono altri Comuni e abitanti dell’Isola. Una volta firmati e approvati dalla Giunta, i progetti vanno realizzati in 36 mesi.

 

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy