RUBRICA Sicurezza alimentare e nutrizione

La Vitamina C

Condividici...

di Andrea Vacca*

 

Andrea Vacca

Oggi più che mai sentiamo parlare di vitamina C soprattutto per il suo possibile ruolo nella prevenzione o cura del Covid-19.

Attualmente non esiste alcuna evidenza clinica che affermi come l’assunzione di vitamina C attraverso alimenti o tramite integrazione possa proteggere dal coronavirus. In attesa dell’arrivo del vaccino le principali misure da adottare rimangono l’uso della mascherina, il distanziamento sociale, e l’igiene delle mani.

È opportuno prestare sempre attenzione alla veridicità di ciò che si legge sul web, perché spesso chi scrive non ha alcuna formazione scientifica e non fa altro che alimentare confusione peggiorando una situazione già critica di suo. Pertanto è bene consultare esclusivamente siti istituzionali.

La Vitamina C (acido ascorbico) è una vitamina idrosolubile, non viene accumulata nell’organismo e deve essere assunta quotidianamente attraverso l’alimentazione.

È un micronutriente fondamentale per il nostro organismo in quanto svolge diverse funzioni importanti:

  • ha un’azione antiossidante, contrasta l’azione dei radicali liberi, molecole in grado di danneggiare le cellule e il DNA responsabili dell’invecchiamento e di tante patologie;
  • ha un’azione antinfiammatoria;
  • migliora l’assorbimento del ferro, sia di origine vegetale che animale, a livello intestinale;
  • favorisce la produzione di collagene, amminoacidi ed ormoni; Il collagene è la proteina strutturale più abbondante nell’organismo umano presente nelle cartilagini, ossa e tessuto connettivo;
  • agisce a livello del sistema immunitario aumentando la funzionalità di alcune cellule come i neutrofili, macrofagi e linfociti rinforzando le difese immunitarie;
  • ha un’azione detossificante, protegge l’organismo da inquinati ambientali;
  • a livello dello stomaco contrasta la trasformazione dei nitrati in nitrosamine, molecole potenzialmente cancerogene;
  • è associata ad una minore incidenza di tumori del tratto gastro-intestinale.

Il fabbisogno quotidiano di vitamina C nell’adulto è di 90 mg per l’uomo e di 75 mg per la donna. Nei fumatori, nelle donne in gravidanza e in chi pratica attività fisica intensa, il fabbisogno è più alto.

È un nutriente sensibile al calore, alla luce, all’ossigeno atmosferico e, essendo idrosolubile, l’alimento che la contiene non deve essere né lavato e né bollito troppo a lungo per non dilavare via la vitamina C. Con la cottura, il suo contenuto negli alimenti diminuisce drasticamente, motivo per cui è importante consumare frutta e verdura che la contengono soprattutto crude.

Le principali fonti alimentari sono gli agrumi, kiwi, fragola, peperoni, cavolo, pomodoro, spinaci, lattuga e rucola.

La carenza di questo micronutriente è abbastanza rara in chi segue una dieta mediterranea ricca di vegetali, tuttavia, i soggetti più a rischio sono i fumatori, gli alcolisti, gli anziani, chi consuma poco o nulla frutta e verdura fresca, di stagione e cruda, chi soffre di patologie renali o di malassorbimento intestinale.

Una grave carenza di vitamina C provoca lo scorbuto, patologia di cui oggi non sentiamo più parlare ma un tempo colpiva soprattutto i marinai che, vivendo a lungo sulle navi, non si cibavano di alimenti freschi. Più frequente è invece la carenza marginale di questo nutriente ed i principali sintomi sono: il sanguinamento delle gengive, debolezza, suscettibilità alle infezioni, pelle secca, malessere, depressione.

Ricordatevi che non è un alimento o un nutriente a migliorare la nostra salute ma l’equilibrio dell’intera dieta.

*Biologo nutrizionista

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy