Economia & Lavoro

Le bellezze di Barumini sono esposte a Londra

Barumini. Polo Museale Casa Zapata
Condividici...

di Carlo Fadda

Le bellezze storiche e archeologiche di Barumini sbarcano a Londra. L’occasione è la prestigiosa fiera Museum & Heritage Show, in scena ieri e oggi  al centro espositivo Olympia. Un viaggio tra storia e innovazione, perché a mostrare al mondo ancora una volta i preziosi segreti del nuraghe Su Nuraxi, di Casa Zapata, e dei ricchi reperti venuti alla luce nei decenni, è un percorso raccontato tra rappresentazioni grafiche, video e immagini 3D. Il progetto portato in Inghilterra, nasce dalla sinergia tra la Fondazione Barumini Sistema Cultura e tre aziende: SIM Tech Sas, Inventiva di Giampaolo Bruno e lo studio di Paola Porcu, che ne hanno curato tutti gli aspetti, dal bando alla tecnologia e alla promozione. La finalità della fiera in terra inglese, è quella di proporre nuovi strumenti di fruizione della cultura, che possano fungere da ulteriori attrattori per tutto il territorio, grazie al valore aggiunto delle nuove tecnologie che garantiscono interattività, mobilità e universalità comunicativa. «Siamo orgogliosi di partecipare a questa importante manifestazione internazionale – afferma il sindaco di Barumini Emanuele Lilliu – Grazie al lavoro degli organizzatori e della Fondazione Barumini Sistema Cultura, riusciamo a trasmettere al mondo le bellezze del nostro territorio in un progetto che mette insieme la storia e l’innovazione. Questo permette ai tanti visitatori di entrare in contatto in modo originale e accattivante, con l’antica civiltà nuragica dei nostri siti ed è un’occasione importante come volano per il nostro turismo».

rumini. Su Nuraxi

Il progetto e il percorso, studiato per la fiera londinese, raccontano l’evoluzione dell’archeologia. Si parte dall’analisi del lavoro archeologico dello scavo, alla catalogazione manuale, fino ad arrivare all’utilizzo virtuale in 3D dei reperti museali riprodotti digitalmente con l’aiuto delle tecnologie laser e fotogrammetrico. Lo stand è un’esposizione della mostra denominata “Nuhar 3D: dal taccuino alla realtà virtuale” e sarà divisa in due sezioni. La prima è costituita da alcuni pannelli foto testuali che raccontano il lavoro dell’archeologo Giovanni Lilliu e la scoperta della Reggia nuragica Su Nuraxi, attraverso la presentazione di scatti fotografici dell’epoca e un testo narrativo, la fruizione fisica attraverso immagini del Museo Casa Zapata con i reperti di Su Nuraxi e con le strutture del nuraghe Nuraxi ‘e Cresia e la fruizione virtuale, attraverso le immagini di ricostruzione digitale 3D di 5 reperti riprodotti e la ricostruzione di Nuraxi ‘e Cresia. La seconda sezione costituita dall’esposizione da 3 a 5 tablet che mostrano altrettanti reperti, manipolabili a video, rinvenuti negli scavi de Su Nuraxi e del nuraghe denominato Nuraxi ‘e Cresia. Un modellino di nuraghe, un vaso piriforme decorato, un bronzetto rappresentante l’Offerente, una pintadera e una brocca Ascoide. Un’altra opportunità di conoscenza internazionale, che s’inserisce nell’ambito delle iniziative culturali e turistiche che si susseguono ormai da anni a Barumini, paese famoso nel mondo essendo Patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1997.

Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

CHRIS CAR RENT

Laser Informatica di Sergio Virdis

MAGMMA

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy