Attualità

Le scuole del Medio Campidano cadono a pezzi tra infiltrazioni nelle aule e  amianto sui tetti

Villacidro, istituto agrario
Condividici...

di Gian Luigi Pittau

______________________

Infiltrazioni nelle aule e in palestra, amianto sui tetti e manutenzioni in eccessivo ritardo. È questa la situazione che si verifica in molti degli istituti superiori del Medio Campidano con alunni pendolari che ogni giorno impiegano anche un’ora e mezza con i trasporti pubblici per poter frequentare le lezioni.

LA DENUNCIA DEL SINDACALISTA GIANNI SPIGA

Gianni Spiga

Una situazione intollerabile per il sindacalista della Flc Cgil Gianni Spiga: “All’istituto alberghiero di Villamar – denuncia – piove da settimane dentro alcune aule e abbiamo dovuto spostare gli studenti in altri spazi che erano destinati ad altre attività della scuola. Nella palestra dell’istituto le infiltrazioni stanno arrivando alle prese elettriche. Non si può andare avanti in questo modo: è a rischio l’incolumità degli studenti e di tutti gli operatori della scuola. Infiltrazioni ci sono anche in altri istituti come il Vignarelli di Sanluri, l’istituto Volta di Guspini o l’industriale di Serramanna”.

AMIANTO SUI TETTI Ma non sono queste le uniche emergenze che attendono un intervento: “Nel tetto dell’istituto agrario di Villacidro che si trova in località “Turighedda” – aggiunge Gianni Spiga – c’è ancora la presenza dell’amianto e c’è pure un’ala del terzo piano inagibile per infiltrazioni serie oltre alle aree transennate perché cadono i cornicioni  alla scala d’emergenza  chiusa. In più passa solo un autobus al giorno per gli studenti che non possono poi rimanere a scuola per frequentare altre attività o corsi di recupero”.

Villamar, alberghiero

I PRESIDI Una situazione disastrosa con i presidi in prima linea per chiedere un intervento della provincia del Sud Sardegna a cui spetta la manutenzione delle scuole superiori. Maurizio Pibiri, 53 anni, dirigente scolastico dell’istituto Vignarelli di Sanluri e dell’alberghiero di Villamar ha mandato tantissime segnalazioni: “Le richieste di intervento per infiltrazioni alla sede di Sanluri e di Villamar sono state ripetute e spedite tutte alla Provincia con tanto di posta elettronica certificata e protocollo di uscita. È vero che i geometri della provincia che stanno a Sanluri intervengono ma in particolare a Villamar abbiamo delle infiltrazioni molto dannose per la sicurezza del personale della scuola e per gli impianti perché l’acqua si incanala negli impianti elettrici. Di recente abbiamo chiesto alla provincia l’acquisto di un antifurto per le due sedi dell’istituto. Ora, non avendo ricevuto risposta, stiamo pensando di metterlo a nostre spese”.

Guspini, istituto Volta

LA PROVINCIA Ma Ignazio Tolu, sub commissario per il Medio Campidano della Provincia assicura il proprio impegno: “All’agrario di Villacidro l’amianto che ricopriva un’officina meccanica è stato rimosso completamente grazie a un intervento di 435mila euro. Rimane da bonificare l’edificio principale che ospita gli studenti. Stiamo cercando le risorse nel bilancio perché ci vogliono circa 260mila euro per togliere l’amianto e ricostruire il solaio e la copertura oggi in parte deteriorata, intervento che faremo con la conclusione dell’anno scolastico. Con il progetto Iscol@ ci saranno sette milioni di interventi all’agrario di Villacidro. Stiamo già intervenendo per le infiltrazioni dell’istituto Volta di Guspini e dell’alberghiero di Arbus”.

Serramanna, istituto Buonarroti

DISPERSIONE SCOLASTICA ALLE STELLE Tutto questo succede in un territorio dove la dispersione scolastica è altissima: “Uno studente su due – aggiunge il sindacalista Gianni Spiga – non conclude gli studi e i trasporti per le scuole sono da terzo mondo. Esiste una grande scollatura tra la scuola e il mondo del lavoro che cambia con una continua emorragia di giovani che hanno ripreso la strada dell’emigrazione alla ricerca di un lavoro che nel Medio Campidano rimane un miraggio. Bisogna puntare su un grande polo che riunisca l’istituto agrario di Villacidro che ha grandi potenzialità con prodotti a km zero che potrebbero essere impiegati sulla tavola e cucinati dagli studenti dell’alberghiero di Arbus e di Villamar. In più bisognerebbe creare un grande polo nautico con specializzazioni nel campo della meccanica ed ancora investire nell’informatica e nelle nuove tecnologie senza doppioni e dicendo addio ai campanilismi. Dobbiamo investire in cultura per il futuro dei nostri ragazzi e per il rilancio del nostro territorio”.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy