TEATRO

L’opera S’Accabadora di Anfiteatro Sud in scena a Roma al Teatro Vascello

Condividici...

L’opera sarda “S’Accabadora” ,selezionata tra le finaliste del Fringe Festival, sarà in scena per la replica il 24 Gennaio alle 20,30 al Teatro Vascello a Roma.
La Compagnia Anfiteatro Sud è stata selezionata con ben due lavori tra oltre 450 compagnie.
Lo spettacolo teatrale S’Accabadora, scritto e diretto da Susanna Mameli, è interpretato da Marta Proietti Orzella e Annagaia Marchioro, quest’ultima sostituita nella finale da Elisa Pistis.
Musiche originali di Paolo Fresu e del videomapping di Michele Pusceddu e Francesco Diana sulle xilografie di Mario Delitala.

Fautrice tollerata di eutanasia nel passato, nello spettacolo della compagnia Anfiteatro Sud, l’Accabadora diventa un personaggio di straordinaria attualità per i legami con i dilemmi etici del presente. Questo è il punto di partenza per una messa in scena che non intende approfondire gli aspetti didascalici e descrittivi della questione, né tanto meno fornire superficiali risposte a problemi morali, ma che cerca di dare corpo e anima a una di queste donne, alla sua esistenza concreta, all’apparenza normale cui Antonia,accabadora e protagonista dell’atto unico, s’aggrappa per continuare a vivere la sua vita.

Così, il testo e le scene minime ed essenziali risolvono l’azione teatrale nel rapporto tra Antonia e sua sorella, rispettivamente interpretate da Marta Proietti Orzella e Annagaia Marchioro, (sostituita nella finale da Elisa Pistis). Una relazione che diventa una finzione nella finzione e che lascia trapelare lentamente la verità atroce sulle loro vite. Un lento disvelarsi della realtà fino all’ultimo crudele dilemma che impegnerà Antonia in un nuovo, ma terribilmente diverso, atto di pietà.

Trattando il testo e lo spazio come fossero un caleidoscopio nella memoria della protagonista, la regista utilizza la multiproiezione e gli effetti straordinari del videomapping e della realtà aumentata per definire lo spazio scenico, e ricostruisce attraverso l’arte di Mario Delitala e le sue famosissime xilografie del 1926 un universo interiore che ingloba e coinvolge lo spettatore, facendolo divenire parte del viaggio e dello spettacolo.

 

 

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy