CULTURA. EDITORIA

Lunamatrona: “Amicizia e bufera”, il primo libro di Miranda Melis

Miranda Melis
Condividici...
di Simone Muscas
_______________________________

Lo scorso 8 marzo, presso la biblioteca comunale, si è svolta la presentazione del libro “Amicizia e bufera” di Miranda Melis. L’evento letterario, svoltosi in occasione della giornata della festa delle donne, ha rappresentato un inno alla figura femminile: la trama del testo, infatti, ruota attorno a una vicenda ai limiti della drammaticità vissuta in prima persona dall’autrice locale che, proprio grazie al coraggio e alla determinazione mostrati, avrà poi il suo lieto fine.

«Il 17 dicembre 2011 – spiega Miranda Melis – la mia amica Marigiò e io ci perdemmo sulle Alpi francesi nei pressi di Celliers. Fummo salvate, dopo tante ore di ricerche, grazie all’intervento della polizia locale dopo che riuscii a telefonare a mio marito in Sardegna che si attivò subito per chiamare le forze dell’ordine italiane che contattarono poi quelle francesi». Una storia finita nel migliore dei modi che però ha lasciato non pochi strascichi sulla vita delle due donne: «Ad avere la peggio fu soprattutto la mia amica che, dopo essere stata salvata, trascorse diversi mesi in ospedale a causa delle conseguenze per le tante ore passate sulla neve con temperature gelide. Per me, invece, fu difficile soprattutto mettermi alle spalle i ricordi di quell’evento: mi ci volle del tempo per metabolizzare l’accaduto».

L’idea di scrivere il libro arriva quindi dalla reazione a quel triste ricordo: «È stata una psicologa a suggerirmi di mettere per iscritto i ricordi di quelle ore drammatiche. A distanza di tempo posso dire che il suo consiglio si è rivelato quello giusto».

La trama del libro, oltre che essere scorrevole e piacevole da leggere, non è però un semplice resoconto di fatti e persone, ma fa scorgere una vera e propria raccolta di emozioni e virtù. Di queste ultime, in particolare, ne emergono soprattutto due: la determinazione della protagonista nel non accettare passivamente una morte pressoché certa e il suo altruismo mostrato nei confronti dell’amica Marigiò, più in difficoltà rispetto a lei. “Amicizia e bufera” può essere quindi definito come un bel racconto intriso di sentimenti che da una parte fa riflettere su come talvolta l’essere umano riesca a portar fuori la forza di reagire dalle situazioni meno congeniali e dall’altra essere percepito come un vero e proprio inno all’amicizia.

L’epilogo che non ti aspetti, come in tutte le storie che ti tengono con il fiato sospeso, non poteva certo mancare. «Il destino – conclude Miranda Melis – ha voluto che dopo due anni da quella disavventura mio figlio andasse a lavorare proprio a Celliers nei pressi di quel rifugio dal quale ci incamminammo per andare a valle quel 17 dicembre di undici anni fa. Da quel giorno, chissà per quale oscura ragione, ha deciso di stabilirsi lì. Ed è proprio in quel luogo che due anni fa è nata la mia cara nipotina italo-francese».

Quindi non soltanto “amicizia” e “coraggio”, ma anche un bel racconto che fa riflettere come in questa vita nulla sembra avvenire per caso. Magia della scrittura, emozioni che soltanto le pagine di un buon libro sanno dare: già, perché le righe di “Amicizia e Bufera” hanno permesso a Miranda non soltanto di liberarsi dei fantasmi del passato, ma anche di focalizzare la realtà in un modo nuovo.

«Il mio tempo dedicato a questo libro – conclude – mi ha permesso di mettere in chiaro il vero delle cose e dell’avventura facendo capire a chi legge che quell’evento, in realtà, può essere letto come “una giornata colorata di bianco e di nero”».

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

LAVORA CON NOI!

RADIO STUDIO 2000

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy