Peste & Corna Rubrica

Malcostume mezzo gaudio

Condividici...

Rubrica della serie “Peste e Corna” a cura di Edmunduburdu

Sta finendo l’estate, tempo di mare, di monti e di raccoglimenti spirituali, ma anche di zanzare, che ti colpi-
scono all’improvviso e ti costringono all’uso di fornelletti e piastrine, di racchette elettrizzate o di sberle che ti dai in faccia nella speranza di accopparle, ma non sempre ci riesci, come non riesci a liberarti dei cervelloni della finanza sempre presenti con i loro binocoli a lunga gittata per scrutare gli orizzonti della tua economia e per classificarti secondo una scala di solvenza facendo scendere o salire a lor piacere il tuo spread e gli interessi sui tuoi debiti. Sono i guardiani dei conti e i fustigatori di chi non li rispetta. Angeli o diavoli custodi, dipende dalle simpatie che abbiamo verso di loro. Guardano in tutte le direzioni e a noi italiani assicurano che non siamo messi così male, che l’economia riparte, che le imprese producono e che operiamo bene, anche se in questi ultimi mesi ci siamo un po’ fermati mentre il debito è aumentato, e intanto il Fmi diagnostica che per tornare ai nostri livelli occupazionali pre-crisi ci metteremo vent’anni. Però almeno non siamo come la Grecia, poveraccia, che mica come noi ha le industrie da vendere a clienti esteri e se non la salva il turismo…
E gli altri come se la passano? Gli USA hanno rilanciato economia e inflazione stampando in questi ultimi anni valanghe di dollari e aumentando i debiti di 2000 miliardi, quasi quanto il nostro debito totale, per arrivare ai circa 20.000; il Giappone sembra sereno con i suoi oltre 7.000, e la Cina, che ha in mano gran parte dei debiti statunitensi e sta comprando mezzo mondo, sembra rallentare di brutto e se non produce, esporta e incrementa i consumi interni anch’essa, stando a qualche avvisaglia, avrà grossi problemi con i suoi 28.000 miliardi. Numeri piccoli se si fa riferimento ai – dicono – due milioni di miliardi nominali, mica reali, della finanza speculativa, in qualche modo simile a quella che puoi praticare anche tu da casa armeggiando con i tasti del tuo pc. Le offerte che ti invitano a giocare in borsa ti arrivano da ovunque e ti consentono di sperimentare quanto puoi sentirti una nullità dinanzi a certi sistemi operativi.
L’inflazione è stata universalmente elevata ad angelo salvatore dell’economia e quando avanza rapida i ringraziamenti di alcuni giungono fino al cielo, e forse anche a quell’altro pianeta simile al nostro che dista non so quanti anni luce e purtroppo non ancora meta ideale per i fine settimana, magari senza ritorno, di qualche inquilino terrestre. È il solito gioco altalenante: se hai tante zucchine e non hai richiesta abbassi i prezzi e l’economia stagna, ma se i clienti ti aumentano di numero anche i prezzi vanno in quella direzione. E se poi le zucchine, il grano o i mangimi ti arrivano da altri continenti a prezzi più bassi di quelli che sei in grado di praticare, beh, o ti dai all’ippica o cambi mestiere. Figuriamoci se poi ti arriva il latte in polvere con il quale se non tu c’è qualche altro che cerca di fare favolosi formaggi di origine controllata e protetta. I prezzi che salgono portano l’inflazione ma anche la voglia di investire con l’aiuto delle banche. I debiti sono l’invenzione della società avanzata, più ne fai più mandi avanti l’economia e più stai bene e ti arricchisci, salvo poi arrivare allo splash e ritrovarti col sedere per terra, tu sicuramente, meno certe banche o società, e senti parlare di bolle, di crisi, di cadute del mercato e di disoccupazione alle stelle. Rassegnati, conti meno di un due di picche o di una foglia morta e perciò rimboccati le maniche per dsfdsfdfssbarcare il lunario. Però c’è un limite a tutto e anche con i debiti, un giorno o l’altro, si dovranno fare i conti: la verità che si pagano con la crescita costante dell’economia e quindi dell’inflazione è da sfatare. E prima lo capiremo meglio sarà per il popolo terrestre, che non è fatto di santi ma di arroganti, mentre i pochi che tentano di guardare al futuro di chi verrà dopo di noi sono messi a tacere da chi pratica la protesta come professione.
Dicevamo che la Grecia non se la passa bene e intanto apprendiamo che la sua crescita dal 2000 in poi è stata doppia rispetto al sud italiano, dove anche le nascite hanno subito un pesante tracollo. Buona quest’ultima notizia, dato che il pianeta comincia a irritarsi per i troppi miliardi di umani (anche la Chiesa comincia ad avere un diverso atteggiamento verso il controllo delle nascite), scontata l’altra, se i soldi vengono regalati anziché utilizzati in investimenti utili e controllati. Intanto avanza il deserto, forse preludio a un nuovo diluvio universale.

Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy