Peste & Corna Rubrica

Metamiao e Metabau

Condividici...

Confesso che non ci ho mai capito molto, e credo tanti altri come me. Stando alla Bibbia, Caino si dedicava
all’agricoltura e Abele alla pastorizia. Il primo offriva al Signore frutta e verdura, il secondo il sacrificio di animali e i loro grassi, ma il destinatario non gradì in ugual misure le offerte, snobbò le verdure e apprezzò le carni. Caino visse male il fatto e scaricò la responsabilità delle proprie sofferenze sul fratello uccidendolo e riducendo così a tre persone gli abitanti sulla terra. Ma i conti non tornano. Caino infatti, nel corso del suo vagabondare, incontrò una tribù di altri umani, che chissà quando e da chi erano stati creati, ne sposò una donna e fece figli su figli. Dall’altra parte anche Adamo ed Eva si diedero da fare per popolare la terra e procrearono felici. O forse con dolore. Il tempo passò veloce tra spassi e festini, che il Signore non condivise e per punire quei peccatori gli mandò il diluvio universale. Noè, il prediletto, costruì l’arca, dove stivò animali e familiari, e i figli Sem, Cam e Jafet diedero origine al nuovo popolo e alle relative tribù, amate o maledette. Il diluvio, l’acquazzone o chissà cosa affogò tutti quelli che non trovarono ospitalità nell’arca o anche i discendenti di Caino sopravvissero con altre barche e procrearono con i discendenti di Noé? Sorge a questo punto la domanda spontanea: la storia del diluvio (che è comune a tante antiche civiltà) è stata scritta per affermare la superiorità di un popolo rispetto ad altri raccontandone meriti e demeriti o l’autore l’ha fatto per ingraziarsi il proprio sovrano? Un cosa che hanno fatto anche il Tasso con la sua Gerusalemme Liberata, il Machiavelli con il suo Principe e molti altri.
Fatto sta che le tre tribù originate dai figli di Noè non vissero felici e contente. Per secoli la Palestina fu terra di conquiste e, con l’arrivo del cristianesimo e poi dell’islamismo, teatro di guerre di religione oltre che di interessi, e tanti ebrei, che continuavano a seguire la propria fede e si ingegnavano in molte attività, si sparsero per il mondo in cerca di vita più facile e più ricca, ma continuarono a subire angherie e persecuzioni varie fino a quando, dopo la seconda guerra mondiale e la shoah, le Nazioni Unite decisero di dar loro una patria decidendo nel 1947 la divisione delle terre di Palestina tra arabi ed ebrei e l’anno successivo la nascita del nuovo stato. La cosa non piacque ai palestinesi, che si vedevano privati dei, anche per loro, luoghi sacri, e non mancarono altre guerre. Poi pure loro, 40 anni dopo Israele, si videro riconoscere uno stato proprio. Riconoscere è una parola grossa, nel senso che ne furono sì stabiliti certi confini, ma di fatto ben pochi stati occidentali gli diedero un riconoscimento ufficiale e tuttora qualcuno (come per esempio la nostra Camera con un risultato negativo perché subordinato a un accordo tra Al Fatah e Hamas) lo chiede mentre il coraggio di concederlo non esiste. Lo stesso discorso vale per lo stato di Israele, non riconosciuto da molti stati islamici, e così questa terra “promessa” continua a essere luogo di scontro di interessi e di ideologie religiose. Il mancato riconoscimento dell’uno o dell’altro porta così al populismo, all’integralismo, all’ultraortodossia e all’estremismo, cioè a propugnare la distruzione dell’avversario. Non sarà facile far trovare un punto d’incontro a Hamas e Al Fatah, come non sarà facile trovare una linea condivisa alle diverse estrazioni di destra e di sinistra ebree.
La paura fa novanta, si dice, cioè fa fare cose che nessuno farebbe in condizioni normali, e Netanyahu nel corso della sua campagna elettorale e degli incontri in Usa e in Francia ha parlato di paure, del rischio che l’Iran possa riuscire a farsi le bombe atomiche e di quanti propugnano la distruzione dello stato di Israele. E ha negato il diritto all’esistenza di uno stato palestinese, cosa che non è stata gradita a Obama e a molti altri, ebrei o meno, che danno appoggio allo stato ebraico.
In realtà anche lo scontento dei residenti in Israele non è tutto odio per gli islamici, è anche malessere per una società dove i ricchi, come ormai ovunque, depredano i poveri. La politica di Netanyahu, che ha vinto le elezioni, non piace, gli insediamenti per i coloni in territorio palestinese non piacciono, le agevolazioni agli ultraortodossi che lo appoggiano non piacciono. Non è l’islamismo che dobbiamo temere, ma il disagio economico-sociale che, guidato e alimentato ad arte da chi ha interesse a creare il caos, porta alla follia dell’estremismo integralista di carattere religioso, al terrorismo indiscriminato e al condizionamento dei cervelli, che solo una volontà comune e il coraggio di rinunciare a credi e interessi di parte potranno combattere.
Anche cane e gatto possono diventare amici ed è tempo che Israele e Palestina comincino a liberarsi dell’odio reciproco e a dialogare, anche per evitare che i loro scontri continuino a essere pretesto per reazioni esasperate e si propaghino sull’intero pianeta. Evitiamo di prendere a esempio il comportamento dei primi due figli di Adamo ed Eva.

(a cura di Edmunduburdu)

Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy