L’informatico suggerisce

Mi hanno rubato l’account, hanno violato il sistema

Condividici...
di Giovanni Angelo Pinna
______________________________

 

Molti anni fa si sentiva parlare poco di queste problematiche, per lo più note a chi offriva assistenza informatica e, magari, ai rispettivi amici nel confidare come fossero andate le giornate lavorative o quelle che erano le richieste di supporto più particolari ricevute.

Da quando si è iniziato a sfruttare le tecnologie il problema della sicurezza è sempre stato non poco trascurato dall’utilizzatore.

Dall’uso di un’unica password per registrare qualsiasi tipo di account in tutti i siti internet ritenuti interessanti alla scelta di qualcosa che sia facile da ricordare fino all’uso dello stesso pin per più utilizzi (smartphone, codice di conferma operazioni nel proprio Home Banking ecc).

La propria data di nascita nel formato numerico o quella sostituendo il numero del mese con il nome, la stagione preferita, il nome del proprio amico a quattro zampe, il nome dell’attore preferito, il nome del figlio seguito dal suo anno di nascita, la famosissima e sempre pluri gettonata 123456 oppure il pin 0000… non mancano poi le fantasie più strane (spesso assurde) nelle quali si sceglie di proteggere le proprie tecnologie utilizzando il nome o altre informazioni riferite all’amore clandestino.

Partendo dal presupposto che un pirata informatico non attacca mai a caso e dal fatto che non sempre il messaggio apparso involontariamente nella propria pagina Facebook sia conseguenza di un “mi hanno rubato la password” (esistono altri sistemi per fare sì che questo accada, tra cui il più banale “invito a cliccare in un determinato link” che nasconde un determinato programma istruito a svolgere determinate e ben specifiche azioni), il problema del come scegliere le password è e sarà sempre sottovalutato dalle singole persone.

Come vengono rubate le password? Non sempre è colpa dell’utilizzatore ma anche di chi crea una tecnologia (che può essere un portale web come il software che viene attivato ogni qualvolta si accende il display dello smartphone ed appare la schermata con la quale inserire il codice di sicurezza nelle sue varie forme).

Hive System, una realtà che si occupa di cyber security, ha calcolato i tempi necessari per decodificare le password (ancora oggi in molti sfruttano l’algoritmo meno sicuro al mondo per memorizzarle, per non parlare di chi le salva totalmente in chiaro): una password (composta anche da numeri, lettere minuscole e maiuscole e simboli) di 6 caratteri viene decodificata istantaneamente mentre ci vogliono fino a 31 secondi per una di sette caratteri, appena due giorni per una di nove caratteri, 5 mesi per una di dieci e così a salire come nel caso di quelle di 11 caratteri per le quali sono necessari ben 34 anni per vedere concludersi con esito positivo un attacco di forza bruta.

E per gli smartphone? Non sono al sicuro nemmeno questi. Esistono tecniche che permettono di sbloccare in poco tempo anche il “blocco schermo con segni” o con password.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

Newsletter

LAVORA CON NOI!

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

GUSPINI         Via Gramsci n°2
TERRALBA     Viale Sardegna n°26
CAGLIARI       Via Corelli n°12
CAGLIARI       Via Tuveri n°29
VILLACIDRO  Via Parrocchia n°279

Vendesi a Torre dei Corsari in via delle Dune Appartamento arredato

RADIO STUDIO 2000

Laser Informatica di Sergio Virdis

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy