Attualità

No al referendum sulla cannabis in Sardegna

Fiore di cannabis indica
Condividici...

Non ci sarà nessun referendum sulla cannabis nonostante la richiesta firmata da sessanta mila cittadini. L’Ufficio centrale regionale ha infatti dichiarato inammissibile il referendum con il quale il Comitato Pro Sardinia ne aveva chiesto la possibilità di coltivazione personale a scopo terapeutico.
“Le convenzioni internazionali che ne bloccano il traffico, firmate anche dall’Italia, vanno rispettate” ha seccamente motivato il suo rigetto l’Ufficio centrale regionale.
Sembra che però il Comitato Pro Sardinia già prepari un ricorso.
Tutto era nato negli scorsi mesi quando nella nostra isola vennero raccolte ben 60 mila firme che chiedevano di potersi esprimere su un argomento che negli altri Paesi del Mondo trovano diverse soluzioni ritenendo infatti legittimo l’uso della cannabis per scopi terapeutici e anche ludico: è così infatti in Olanda e, recentemente in alcuni stati degli Usa. Ma in Italia no.
Tutto questo nonostante se ne parli da qualche tempo. In molti sono a ritenere infatti che la liberalizzazione della cannabis possa essere un modo per contrastare la malavita e le mafie che sulle droghe leggere così come su quelle pesanti costruisce il suo impero economico.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy