Attualità

Pabillonis, concluso il Festival Orbescidroxu

Condividici...
di Anna Luisa Garau
________________________________________________

 

Ieri, mercoledì 14 settembre, si è concluso il “Festival Orbescidroxu”, iniziato il 4 settembre. La serata è stata aperta con la visita al Giardino degli esempi dedicato a dodici donne sarde che si sono distinte in diversi campi, che si trova nello spiazzo antistante la scuola primaria in via Boccaccio. A seguire, nel cortile della Casa Matta, si è tenuta una tavola rotonda sul tema “Essere donna a  scurrigadroiu”, cui hanno partecipato Christian Castangia pedagogista e regista, Stefano Cruccas scrittore, Fenisia Erdas componente della Commissione Pari opportunità e docente di musica, Mauro Ligi poeta. Grande partecipazione di pubblico. La serata è stata condotta da Angela Pinna nella multipla veste di presentatrice, coordinatrice, moderatrice e cantante.

Un cielo dai colori pastello, con prevalenza del rosa, sembrava voler sottolineare l’importanza della tematica di cui nonostante tutto si parla ancora poco, forse per quel senso di vergogna di esporsi, di raccontare, di denunciare.
I relatori hanno affrontato la tematica esponendo fatti e testimonianze di cui sono venuti a conoscenza. Hanno rimarcato la differenza, ancora oggi, di ruoli e spazi assegnati a uomini e donne, accumunati dall’esigenza di superare le barriere e i vincoli connessi nei diversi contesti.
Le donne fanno più fatica a ricoprire ruoli apicali nella nostra società ma insieme possono essere più forti.

È necessario educare le nuove generazioni a superare ogni pregiudizio, esortando le donne a credere più in se stesse, a denunciare tutti i tipi di violenza, perché non c’è niente e nessuno che possa giustificare la sottomissione, e non si deve avere paura di denunciare i soprusi, perché è solo nel rispetto e nella libertà che vi sono opportunità di crescita ,superando quel senso di vergogna che ancora è tanto radicato nella nostra società nel nostro Dna.
La serata si è conclusa con un intrattenimento musicale. Angela Pinna, accompagnata alla tastiera da Giuseppe Atzori, ha cantato alcune canzoni del suo repertorio. Maurizio Foddi ha letto un testo in lingua sarda di Pierangelo Orgiu.

I ghirigori, un insieme di grovigli e intrecci eseguiti dalla colombiana Carolina Paez Perez, residente a Pabillonis, hanno aggiunto una nota di magia alla serata. Si aveva la sensazione che quelli schizzi vibrassero, emettessero suoni in sintonia con le note che si diffondevano nell’aria, il colore bianco,magistralmente ed elegantemente intriso nel pennello, utilizzato dall’artista insieme alle linee dipinte sul vetro hanno assunto la forma di cuori,  geometriche varie e di spirali che si sono unite ai canti, alle letture, alle note musicali , in un intenso e profondo canto corale aggiungendo quel tocco in più che la serata esigeva.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy