Cultura EDITORIA Spettacoli

Pabillonis, otto serate di musica e cultura con il Festival Orbescidrosciu

Condividici...

di Anna Luisa Garau

________________________________

Dal 10 al 19 settembre, a Pabillonis, si è svolto il festival de sonus, contus e cristionis “Orbescidrosciu”. A organizzare l’evento sono state le associazioni “Tramudas”, “Benas” e “Officine sonore” con il contributo dell’amministrazione comunale.

Otto le serate, che si sono tenute nel Centro di aggregazione sociale, ad eccezione di quella del 12 settembre che si è svolta nei giardini pubblici, dove i bambini hanno partecipato ai “giogus de linna” e ai giochi di magia.

Il festival è stato condotto da Angela Pinna, che oltre a intervistare i diversi ospiti, ha intrattenuto il pubblico con il suo canto, il chitarrista Giuseppe Atzori si è esibito in diversi momenti. La sorpresa è stato il giovane Matteo Atzori, che ha intrattenuto il pubblico leggendo pagine di diversi libri.

Si è iniziato con la presentazione del libro “La terra dei giganti” di Vittorio Sanna, giornalista sportivo, radiocronista, telecronista, insegnante e scrittore.  «Lo sport vero», ha detto l’autore, «è quello fatto di passione, di sacrifici e che ti fa sognare. Il modello di sport ideale non è fatto dai soldi e dallo sperpero, ma quello che purtroppo vive un po’ nell’anonimato e quello del quale si parla solo in occasioni speciali». La presentazione è stata accompagnata dalle musiche di Appa Billonat.

Nella serata successiva, Lorenzo Braina, educatore e divulgatore pedagogico, ha tenuto una conferenza dal titolo “Ribelli e Silenti“, dedicato alle tematiche adolescenziali. Il 15 settembre è stato presentato il libro di Alessandro Atzeni “Gladiatores”: un viaggio nella preistoria e protostoria della Sardegna. Nella stessa giornata la voce di Matteo Atzori, Fabrizio Foddi e Angela Pinna e le musiche di Officine Sonore hanno rappresentato i “racconti di quotidianità” dello scrittore pabillonese Pierangelo Orgiu.

Il sedici si è stato proposto, con l’accompagnamento musicale di Flavio e Carolina, il libro di Mario Puddu “Tottus  Frades” che tratta della fraternità e dell’amicizia.Grande partecipazione per ascoltare Stefano Cruccas. Lo scrittore di Pabillonis, con voce emozionata, si è soffermato sul suo secondo romanzo “Il canto del nuraghe”. Gli ha fatto da spalla la musica del Tereza’s fake Quartet.
Chiara Laino e Matteo Liscia hanno parlato del loro libro “Come una meteora”. La coppia, non solo di scrittura ma anche di vita, è stata apprezzata dal pubblico, che con attenzione l’ha ascoltata.

Ultima presentazione il libro “Coda di Castoro”, scritto dal sangavinese Daniele Mocci e illustrato dal fumettista guspinese Luca Usai. È indicato per i ragazzi dai sei ai nove anni, ma posso leggerlo anche gli adulti, e tratta tematiche sull’amicizia, offrendo spunti di riflessione anche sulla natura. Gli intermezzi musicali sono stati a cura di Jenia e Giorgio.

Il festival ha dimostrato che a volte bastano piccoli ma interessanti eventi per coinvolgere un paese, e la grande partecipazione né è un esempio. In fondo sono stati sufficienti is sonus, is contus e is cristionis per allietare le serate dei pabillonesi.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy