Attualità

Pabillonis, una storia di solidarietà: il desiderio di un bambino di regalare la lavatrice alla mamma diventa realtà

Condividici...

di Dario Frau
____________________

Le lunghe code e l’affollamento davanti ai negozi nel periodo natalizio ha confermato che nonostante le regole fissate dal governo per contrastare la pandemia del Covid, Il Natale, la festa più cara agli italiani, ma non solo, è sempre attesa con diversificati sentimenti oltre quelli religiosi. Questa ricorrenza è ormai celebrata in tutto il mondo valicando e oltrepassando le motivazioni proprie del cristianesimo poiché intorno a essa si è sviluppato una ridda di interessi, in particolar modo legati alla globalizzazione del consumismo. Le città addobbate a festa, il turbinio di luci che adorna le vie, i negozi, i punti di ritrovo, le piazze, suscitano particolari emozioni e sentimenti tra i grandi e nei piccoli.
La corsa ai regali da offrire ai propri cari e amici realizza un inconscio senso di affetto e di amore e anche di solidarietà: tutti si sentono a Natale più buoni e disponibili verso il prossimo. Per i bambini, in particolare, questa ricorrenza è attesa con ansia e felicità: il caratteristico vecchio con la fluente barba bianca riesce quasi sempre a soddisfare questa aspettativa. I lavoretti natalizi degli alunni vengono accompagnati dalla classica letterina indirizzata ai genitori con promesse di affetto, di amore e di auguri di ogni bene per papà e mamma. Eppure qualche eccezione accompagna questi sogni e questi desideri.
In questo periodo particolare dell’anno i miracoli possono succedere. Stavolta la magia è capitata in un paese del Medio Campidano, a Pabillonis. Tra tanti scolari del paese anche un bimbo scrive la sua letterina, ma con una richiesta insolita. Rivede la sua vita nella propria abitazione. Il papà con lavori saltuari e con qualche bonus sociale, a mala pena, riesce a fine mese a tirare avanti e soddisfare le esigenze di tre figli piccoli e l’affitto che bisogna pagare a fine mese. Al piccolo tornano in mente anche i sacrifici della mamma. Ogni giorno sono tanti: pulire, riordinare la casa, preparare i pasti, ma soprattutto tenere puliti i vestiti di tutta la famiglia lavandoli a mano: la vecchia lavatrice da alcuni mesi ha terminato il suo corso. È questa forse la fatica più impegnativa: non è uno scherzo mandare i figli a scuola con abiti ordinati e odorosi di bucato. Questo fatto ha colpito il piccolo ed è addolorato. La mamma soffre per tanta fatica. All’improvviso un’idea gli balena in mente. Un sogno. Un desiderio che solo nella mente dei piccoli può scaturire: “se potessi vorrei regalare una lavatrice nuova per la mamma”, scrive nella letterina. Per sé non chiede niente: basteranno i vecchi e usurati giocattoli che possiede per tirare avanti e divertirsi.

Ma come per magia (solo il Natale può fare tanto!) in due giorni, chi sa come, gli “elfi” (i leggendari aiutanti del Vecchio dalla Barba Bianca) si mobilitano, non solo in paese, ma anche fuori dalla comunità dove il bimbo abita, coinvolgendo tanti volenterosi di animo buono. La vigilia di Natale la mamma vede il gran pacco arrivare a casa e resta stupita: «di sicuro c’è qualche disguido», riferisce “agli elfi” che consegnano il regalo. Il dubbio è motivato: non ha, infatti, ancora letto la letterina del figlio che deve essere consegnata ai genitori, il giorno dopo. Alla fine, come nelle migliori fiabe, tutto si conclude bene, tra lacrime, abbracci e la convinzione che la bontà dei piccoli viene sempre premiata, come attesta anche la lettera di Babbo Natale che accompagna il meraviglioso dono frutto di magia, commoventi emozioni e soprattutto tanta solidarietà.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy