Guasila Sanluri Sport Ciclismo

Paolo Massenti: duemila chilometri in bici per realizzare il sogno parigino

Condividici...

Da domenica 21 iniziano le qualifiche per la “Parigi brest Oarigi 2019”, la prestigiosa ultramaratona ciclistica di 1200 km che prenderà avvio il 18 agosto in Francia. La Sardegna quest’anno ospiterà due eventi che daranno i pass per accedervi. La 1.000 km di Sardegna, che consente di partecipare con la formula propria dei brevetti randonneurs di lunga distanza composto da tre tappe rispettivamente di 200 km, 300 km e 400 km e il brevetto Italia Grand Tour  Brevetto Audax Randonneur Italia da 1200 km (6+6 isole del mediterraneo), composto da due brevetti ACP di 600 km, uno in Sardegna e uno in Sicilia. Il brevetto ARI valido anche come prova del Campionato Italiano.
Al via della 1200 Km ci saranno 230 ciclisti di 23 nazioni e dovranno percorrere le distanze previste con il solo ausilio del Gps, in totale autosufficienza se non quella autorizzata dall’organizzazione nei punti controllo previsti lungo il percorso.
Tra i partecipanti anche Paolo Massenti, nato a Sanluri,  residente a Guasila in Trexenta, sottufficiale dell’Esercito presso il 3º Reggimento Bersaglieri a Teulada, con una forte passione per la bici con spiccata dote per le endurance, non è nuovo a questo genere di prove ma stavolta ha voluto decisamente alzare più in là l’asticella.
Lo abbiamo incontrato per farci raccontare le faticose prove in cui si cimenterà alla ricerca di un posto nella nazionale italiana ARI e la qualificazione alla Parigi Brest Parigi 2019.
Perché proprio la pbp 2019?
«Una dozzina di anni fa ritagliai da una rivista un articolo in cui si parlava di questa entusiasmante endurance in terra francese, incuriosito e allo stesso tempo stregato da questo racconto decisi di conservarlo dentro un cassetto. Al termine della 18ª edizione nel 2015 decisi che per quella successiva sarebbe stata un’occasione che non potevo farmi sfuggire, la PBP2019 partirà il giorno del mio 38º compleanno e allora perché non farmi un bellissimo regalo?»
Un regalo alquanto insolito, non crede?
«So che potrà sembrare strano, in modo davvero particolare direi più una sfida: dura quanto affascinante, dura perché percorrere interamente i due Brevetti significa metter sotto le gambe più di 2.100 km in sole 5 prove, affascinante perché percorrere in sella alla bici giorno e notte, in lungo e largo, la mia splendida Sardegna e la Sicilia ti ripaga assolutamente da qualsiasi fatica».
Sarà in completa autonomia, come pensa di portar a termine questa avventura?
«Come previsto da regolamento sarò in completa autosufficienza ma porterò con me oltre a delle borse nella bici un extra molto particolare, una bandiera della sardegna con le firme di tutti coloro che mi aiuteranno finanziariamente a portare a compimento questo ambizioso regalo-progetto, per chi poi avrà il desiderio di salire in sella con me per vedere con i propri occhi ciò che affronterò farò qualche diretta sui social, il tifo degli amici mi darà quella marcia in più che mi serve per superare le asperità di queste prove!»
Ci vuole tanta determinazione e un allenamento specifico, come si è preparato a queste distanze?
«Per portare a termine questo genere di prove bisogna avere due elementi fondamentali: gambe e testa. Le gambe grazie ad anni di gare ciclistiche amatoriali per fortuna non manca, anche se ne approfitto per fare un po’ più di km andando spesso a lavoro da Guasila a Teulada in bici, son 200 km e sono un ottimo banco di prova appunto. La testa invece rimane sempre la parte più difficile da allenare, anche perché in queste prove oltre alla ferrea determinazione bisogna allenarsi alla privazione del sonno e la stanchezza che ciò comporta».

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

claudio canalis

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy