Attualità Sardegna

Per il presidente del Psd’az Columbu la Sardegna è spopolata perché malgovernata

Condividici...

“La Sardegna è una terra spopolata non certo per ragioni naturali, bensì perché è mal governata e vessata da interessi esterni, perché subisce l’imposizione di modelli di sviluppo inadeguati, perché da sempre soffre di una insufficiente libertà e perché manca il lavoro. Ma la soluzione non sarà importare disoccupati!”. Questa la ferma presa di posizione del nuovo Presidente del Psd’az Giovanni Columbu che, attraverso una nota pubblicata sul sito ufficiale dei quattro mori, ha voluto esprimere alcune “personali considerazioni” sui flussi migratori e sull’accoglienza dei migranti con un particolare riferimento alla situazione della Sardegna. “La sola accoglienza è senza prospettive poiché non potrà per sempre essere assistita, né essere affidata in modo indefinito alle disposizioni morali, ideali o religiose dei cittadini”. Se a ciò si aggiunge che permarrebbe in ogni caso “il pericolo concreto che sui processi in atto, oltre alle ragioni umanitarie, possano convergere immensi interessi economici e che in assenza di effettive e sostenibili politiche di integrazione un flusso così imponente di migranti è destinato a generare conflitti e nuove forme di povertà” gli elementi caratterizzanti della considerazione del neoeletto Presidente sardista cominciano a definirsi con maggiore chiarezza. “In Sardegna occorre impegnarsi a creare nuove e credibili opportunità di sviluppo e di lavoro, ma in primo luogo per i numerosi sardi disoccupati e per coloro che dalla Sardegna sono stati costretti ad andarsene – scrive Columbu nella nota – e noi non possiamo accettare che ad un libero e illiberale mercato di merci si aggiunga anche la libera importazione di esseri umani perché è evidente che, dopo avere pregiudicato o tentato di mettere fuori mercato i nostri prodotti, la disponibilità di forza lavoro a basso costo metterebbe ai margini anche i nostri lavoratori”. Quanto alla tesi secondo cui un ulteriore e ancora più vasto afflusso di migranti darebbe soluzione ai problemi di denatalità e invecchiamento dei paesi europei, la posizione di Columbu appare altrettanto netta: “questa tesi, sostenuta anche come rimedio allo spopolamento della Sardegna è del tutto inaccettabile poiché si prospetta come rinuncia a qualsiasi possibilità di cambiamento e di crescita. Quasi che alla nostra società non si possa riservare altro futuro che quello di deperire fino a estinguersi”. Per il Presidente dei Quattromori un approccio corretto al problema passerebbe perciò anche da un maggiore controllo degli ingressi dei migranti: “le frontiere, come i muri, non esistono solo per escludere, ma per includere e accogliere, per difendere valori e diritti e per assicurare la pacifica convivenza, e fino a quando esisteranno paesi governati da leggi, diritti civili e costumi sostanzialmente diversi, le frontiere devono esistere. Perché un paese senza frontiere è come una casa senza muri e – conclude Columbu – se la via da perseguire è quella di testimoniare a favore dell’autodeterminazione di ogni popolo, noi tutti dovremo adoperarci con rinnovato impegno nel luogo in cui viviamo, per affermare il nostro diritto e dovere di esistere, con la nostra identità e con la nostra storia”.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy