Attualità

Pro Loco Serrenti: Italo Corongiu va in pensione, a gennaio lascerà la presidenza

Italo Corongiu
Condividici...

di Emanuele Corongiu

______________________

Ogni cosa ha una fine, anche se bella. Donare il proprio tempo, gratuitamente, è la cosa più grande che un uomo possa fare. Italo Corongiu, presidente della Pro Loco di Serrenti, ne ha passate tante in più di vent’anni al suo interno.

Cosa l’ha spinta a entrare in Pro Loco e quando è successo?

Già da allora, nei primi anni 90, ero consapevole delle potenzialità che poteva avere una Pro loco per il proprio territorio. Sono entrato per cercare di far svolgere alla Pro loco i propri compiti dandole tutto il mio aiuto possibile. La prima volta sono entrato attorno agli anni 93/94, ero il più giovane in assoluto nel Consiglio di amministrazione.  Il presidente era Antonello Vitale. Poi negli anni ’99 e 2000, con presidente Lazzaro Fois, io avevo la carica di vicepresidente. Ancora dal 2007 al 2012, il primo anno con Efisio Talloru e dal 2009 al 2012 con presidente Luigi Pasci. La quarta volta dal 2016 al 2019.

Quale motivazione le ha dato la forza di dedicare tutti questi anni a questo impegno?

Santa Vitalia e la festa di Santa Vitalia, sin da bambino le sento in modo particolare. Per me è un qualcosa che non posso descrivere in poche parole, e forse nemmeno in tante. Nei giorni della festa si respira un’area diversa, si crea un’atmosfera per me particolare, forse per tutti. La Pro Loco ha immense possibilità e potenzialità per valorizzare le nostre tradizioni, usi e costumi e far conoscere il nostro territorio. Il mio sogno da sempre è quello che si costituisca un gruppo di persone motivate e consapevoli del proprio ruolo, le quali possano davvero svolgere i compiti per la quale l’organizzazione è demandata.

La cosa più bella e più brutta dell’essere presidente della Pro Loco di Serrenti e l’anno che ricorda con più piacere?

La più bella è sicuramente quella di aver contribuito al protrarsi nel tempo della nostra amata festa. La più brutta, purtroppo, quella di ricevere spesso critiche da chi nella sua vita non ha mai organizzato neanche la festa del suo compleanno. Ovvero ricevere critiche che non hanno mai avuto nulla di costruttivo e con il solo scopo di creare attriti. Le critiche costruttive sono sempre bene accette. Ricordo quasi tutti gli anni con piacere, perché ho fatto qualcosa in cui credevo e credo, ma soprattutto perché mi è piaciuto farlo, anche se spesso la mole di impegni rovinava un po’ tutto.

Questi saranno gli ultimi mesi da presidente. La Pro Loco, secondo lei, sopravverrà alla scadenza di gennaio?

Ci Se ciò non dovesse avvenire noi tutti dovremmo fare un’attenta riflessione, in primis l’amministrazione comunale, con tutte le forze sociali… se sono “Forze sociali”.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

claudio canalis

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy