RIFLESSIONI SANGAVINESI

Questioni di pulizia e di responsabilità

San Gavino, municipio
Condividici...
di Lorenzo Argiolas
____________________________________

 

Ultimamente alcuni mi hanno invitato a stare nel mio paese e a occuparmi delle vicende sangavinesi. Sono ben lieto di accontentare queste persone, anche se mi preme ricordare di San Gavino e delle sue dinamiche, politiche e non solo, mi interesso sempre, non a corrente alternata.
Nelle settimane scorse si sono accese forti polemiche riguardo alla pulizia del paese, non solo erba alta e cartacce in giro ma anche situazioni che comportano il proliferare di insetti e, di conseguenza, scarsa igiene. Sui social la miccia si è accesa nel momento in cui la maggioranza consiliare ha pubblicato una ventina di foto di spazi pubblici nei quali è stata fatta un’opera di pulizia, allegate da un testo in cui, sostanzialmente, si ringraziano gli 8 operai del progetto Lavoras i 16 beneficiari del Reddito di cittadinanza, i 6 del Reis, una ditta specializzata per la trinciatura delle cunette e i 2 operai comunali.
Ma ciò che fa storcere il naso a molti è che in questa sorta di comunicato, tra le righe, si può leggere «Chi chiede un intervento più incisivo, puntuale e continuo deve per responsabilità chiedere l’aumento delle tasse comunali, così da poter investire determinate somme con certezza e continuità avendole ogni anno nel bilancio. Chi ha proposte serie, può sempre manifestarle in Consiglio comunale».
Ma che razza di ragionamento sarebbe?
Adesso, a prescindere dal fatto che la pulizia del paese andrebbe programmata periodicamente e non appaltata una tantum, ogni qualvolta vi è la possibilità di accedere a un cantiere occupazionale. In sostanza, le dichiarazioni della maggioranza suonano come un: “Sangavinesi, se volete un paese più pulito pagate più tasse”.
Ma come ci si può rivolgere ai cittadini in questi modi e in questi toni?
Leggendo i commenti al  post sono stato lieto del fatto di non essere l’unico a pensarla in modo diverso e sono parecchi i sangavinesi che hanno espresso il loro malcontento.
Ma nessuno ha fatto osservare un aspetto, secondo me fondamentale, nemmeno la minoranza.
Nel febbraio scorso anche la Regione Sardegna si è allineata alle disposizioni nazionali previste nella legge finanziaria 234/2021.
Nella normativa viene determinato l’aumento delle indennità di carica per i sindaci e, a cascata, i compensi degli altri amministratori comunali, che sono calcolati in percentuale a quanto percepito dai primi cittadini. A partire dal 2022, perciò, la retribuzione dei sindaci è parametrata all’indennità del presidente della regione, fissata in 13.800 euro lordi al mese.
Ovviamente il tutto calcolato in base a delle fasce, secondo il numero degli abitanti del comune amministrato.
San Gavino rientra nella fascia dei comuni con popolazione dai 5.001 e i 10.000 abitanti e la percentuale spettante al sindaco sarebbe il 29% del compenso spettante al Presidente della Regione. Vale a dire 4.002 euro lordi, da 2.788 euro lordi.
Se i nostri cari amministratori fanno una questione economica della qualità dei servizi non c’è nessun problema, ma a questo punto ci sarebbe da chieder loro se effettivamente il compenso a loro spettante è commisurato alle capacità che finora hanno dimostrato.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy