Attualità Sardara

Sagra de su trigu: cultura, cibo e storia

Condividici...

Si animano le stradine acciottolate del centro storico di Sardara, che vede in concomitanza i festeggiamenti per la festa di San Gregorio Magno e la sagra de su trigu, arrivata alla sua dodicesima edizione. Il coinvolgimento è a 360 gradi e vede protagonisti sia i bambini che gli adulti, a partire da sabato mattina, quando le ragazze dell’associazione TerrAccogliente riescono a suscitare un crescente interesse tramite dettagliate spiegazioni sullo storico materiale per fare i mattoni in terra cruda, con cui si costruivano le case nel sud Sardegna: su làrdiri, per poi proseguire con la parte pratica e, quindi, con la loro vera e propria realizzazione.

La domenica inizia all’insegna della tradizione culinaria, tra laboratori di pasta fresca, formaggio e latte: il tutto alla presenza dei rappresentanti dell’accademia de is catalufas, del gruppo Arte Bianca, del comitato di San Gregorio, dei sindaci di Gonnosnò Mauro Steri e di Pompu Moreno Atzei, nonché del sindaco di Sardara Roberto Montisci e del presidente della Pro Loco Giampaolo Pisu, che ha omaggiato i sindaci ospiti di un piatto in ceramica con su rappresentata l’immagine della pavoncella sarda.

«Ci tengo molto a ringraziare tutti coloro che hanno reso possibili questi eventi, che sono un modo per ricordare la nostra cultura alimentare», commenta Montisci, ringraziando poi i suoi colleghi che hanno collaborato alla realizzazione dell’evento ed auspicando a future collaborazioni.

La lavorazione della pasta di Sardara: sa catalufa tzacarramanu

Regina della mattinata è la pasta tipica di Sardara, che inizialmente veniva fatta in campagna dagli uomini: sa catalufa tzacarramanu che, come spiega Agostino Piano, tra i promotori dell’Accademia omonima, si sta riscoprendo solo adesso: «Dall’anno scorso è stata inserita nel PAT (prodotti agroalimentari tradizionali), quindi comincia ad essere conosciuta a livello nazionale». Pasta come alimento identitario dunque, che riesce ad unire paesi e genti grazie al filo indistruttibile della tradizione contadina sarda. Pasta antica che si è potuta poi anche degustare.

Non è mancata la cultura, dalla mostra fotografica curata dal fotografo sardo Manuel Riguer, alla sfilata delle maschere tipiche di Sestu: i mustayonis e s’orku foresu. Hanno fatto da cornice le numerose case campidanesi aperte apposta per l’occasione e che nei loro grandi cortili hanno ospitato artigiani intenti a impagliare uno scannetto o a far vedere la ferratura del cavallo: tutto all’insegna della tradizione perché, come ha insegnato Winston Churchill, senza tradizione l’arte è un gregge di pecore senza pastore.

Manuela Corona

Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

claudio canalis

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy