Elezioni Comunali

Samassi, il programma dei due candidati a sindaco

Municipio di Samassi
Condividici...

di Maurizio Onidi

________________

Ancora qualche giorno e finalmente si saprà chi guiderà Samassi per i prossimi cinque anni. Programmi di governo ambiziosi, quelli presentati dai due aspiranti sindaci, Beatrice Muscas con la lista “SiAMO Samassi” e Giancarlo Melis che contrappone “Samassi Riparte”.

Conosciamoli meglio:

Beatrice Muscas

«Sono Beatrice Muscas, la seconda di sei figli cresciuti in una famiglia di agricoltori, con un padre che, seppure impegnato a lavorare la terra, amava lo studio e la conoscenza. Mia madre ha dedicato la vita alla famiglia, si è sempre sacrificata molto, chiedendo poca in cambio. L’obiettivo principale è sempre stato quello di farci studiare. Oggi ho 60 anni e sono una Funzionaria Regionale con una laurea in Scienze Politiche e un Master in Governance sulla Gestione Integrata delle Politiche Pubbliche. Lo studio mi ha aiutato a capire che ciascuno è un pezzo importante della collettività e che in questa veste deve guardare al futuro privilegiando l’interesse generale rispetto all’interesse personale. Credo fortemente che ognuno di noi si debba impegnare per dare il suo contributo alla crescita economica e sociale del paese, con le sue competenze, la sua professione e le sue capacità. Sono candidata con orgoglio alla carica di Sindaca con la lista “SiAMO Samassi”».

Qual’è il suo programma di governo per il paese?

«Questo programma guarda innanzitutto alla persona e vuole essere un motore di “solidarietà” tra i cittadini, e di “azione” per la soluzione dei suoi problemi. Parla di benessere, di scambi verbali e di incontri sociali che rafforzino il nostro senso di appartenenza alla comunità. Parla delle persone e dei momenti di relax e di confronto; parla di idee e di problemi che stanno insieme, le une per la soluzione degli altri. È un progetto che guarda ai cittadini che si incontrano e si raccontano… dai loro racconti e dalle loro esigenze nascono i punti del programma che cercano soluzioni a importanti problemi. È un programma innovativo con forti elementi di novità, primo fra tutti la messa in sicurezza del paese. Questa nasce da una forte esigenza dei cittadini e ha l’obiettivo di affrontare uno studio su alcuni interventi adottati in passato sul territorio, con l’intenzione di individuarne le carenze che hanno un impatto sullo smaltimento superficiale delle acque piovane nei momenti di piogge intense e improvvise. Questo programma ascolta le esigenze dei più giovani che guardano al futuro preoccupati per l’inquinamento del pianeta. Essi sollecitano interventi per l’utilizzo di nuove tecnologie per la produzione e il consumo di energie rinnovabili; sollecitano la promozione e l’utilizzo di materiali compostabili e l’abbattimento dello spreco di acqua, cibo ed energia. È un progetto che sta vicino al mondo agricolo, principale fonte economica del paese, e lo segue nella ricerca delle nuove tecnologie, nella valorizzazione dei suoi prodotti, nella promozione dell’agro-biodiversità e nella promozione per il riconoscimento dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali. Il programma affronta il prossimo quinquennio guardando alla scuola come fonte insostituibile per la formazione dei cittadini di domani e a questo fine si vuole instaurare un legame forte tra la Scuola e l’Amministrazione, con uno valorizzazione delle attività scolastiche formative».

Perché i cittadini di Samassi dovrebbero votare il programma di “SiAMO Samassi”?

«Prima di tutto perché è un programma concreto, innovativo e realizzabile. È un programma che non si piega ad asservire gli interessi particolari dei singoli ma guarda, semmai, al bene comune. Affronta i problemi del paese a 360 gradi e mette a disposizione le competenze e le professionalità dei suoi candidati che sono diversificate, abbracciando diversi temi. Votare Beatrice Muscas significa dare voce alle donne e alla loro idea di equità e uguaglianza, difficilmente corruttibile. Mi piacerebbe vedere ai seggi il trionfo della femminilità che riacquista il senso del potere, come avvenne il 2 giugno del 1946 quando le donne votarono per la prima volta in tutto il paese. Anche in tempi moderni, per la nostra comunità sarebbe un importante segno di cambiamento».

I candidati consiglieri:
Maria Daniela Contu, Manuela Liggi, Michela Onnis, Tania Onnis, Roberta Vacca, Silvia Porta, Giovanni Cocco, Enrico Concu, Efisio Lisci, Fabrizio Murru, Giacomo Onnis, Maurizio Sanna.

 

Dopo Beatrice Muscas, presentiamo l’altro candidato sindaco, Giancarlo Melis:

Giancarlo Melis

«Sono nato a Serramanna nel 1957, ho abbracciato questa comunità, in cui ho contratto matrimonio nel 1984 e da cui sono nati Fabrizia ed Edoardo. Ho conseguito la maturità industriale e all’età di ventitré anni ho intrapreso il lavoro di insegnante nel mondo della formazione professionale. Parallelamente all’insegnamento ho creato e diretto un’azienda, specializzata nel settore dell’impiantistica, con una quindicina di tecnici alle dipendenze. Dalla seconda metà del 2021 sono in pensione, ascoltando le richieste di alcuni miei concittadini, ho preso la decisione di mettere a disposizione della mia comunità samassese, l’esperienza maturata nel mondo della scuola e le capacità imprenditoriali sviluppate nel percorso di vita lavorativa».

Qual’è il suo programma di governo per il paese?

«Un programma molto articolato che affronta un po’ tutti i settori a cominciare dai lavori pubblici e l’arredo urbano. Questo è un altro punto di forza del nostro programma, finalmente doteremo il paese del “Piano Urbanistico Comunale (Puc), strumento indispensabile, atteso da oltre trent’anni, che ci permetterà di rivisitare l’assetto urbanistico del territorio prevedendo la regolamentazione delle aree agricole, del centro urbano e la realizzazione di nuove aree edificabili che daranno impulso edificatorio al paese. Sistemazione strutturale, pulizia e decoro degli ingressi cittadini che diano un’immagine migliore al paese. Realizzeremo gli impianti voltaici in tutte le strutture comunali per ridurre al minimo i costi delle bollette.  Riqualificazione dell’illuminazione pubblica a led, con particolare attenzione al centro storico e al Pip. Avvieremo un progetto per la messa in sicurezza del fiume Mannu, proponendo la realizzazione di un parco fluviale e in particolare chiedendo all’Anas la ristrutturazione completa del ponte, prevedendo passaggi pedonali  protetti e ancora il restyling di piazza Italia. Sul fronte socio-ambientale,  sosterremo tutte le associazioni di volontariato che spendono il loro tempo per gli anziani e malati. Promuoveremo la mobilità elettrica con auto e colonnine di ricarica. Sulle politiche sociali una particolare attenzione verrà data al sostegno per la povertà dando dignità lavorativa. Anche il turismo e la cultura saranno seguiti e sviluppati con la realizzazione del museo dell’agricoltura, del museo dell’antichità e Archeologia. Saranno rilanciate la festa del patrono, la sagra del carciofo, il carnevale.  Molta attenzione sarà dedicata a sport e salute, partendo da un tavolo permanente con le associazioni sportive, completamento e restyling  degli impianti sportivi e in particolare le strutture sensibili (scuole, palestre, impianti sportivi) saranno cardio-protette con l’installazione di defibrillatori nelle palestre pubbliche e nelle scuole.  Una grande opportunità per le aree rurali sarà rappresentata dal  GAL (Gruppo di Azione Locale) che  sostiene gli operatori e le amministrazioni locali potenziando e valorizzando il patrimonio naturale, culturale ed economico, creando posti di lavoro e migliorando la capacità produttiva della comunità. Agricoltura e attività produttive: il motore della nostra economia è sempre stata ed è l’agricoltura, dimenticata completamente dall’amministrazione uscente di cui la candidata sindaca si è dichiarata erede.  Samassi è l’unico Comune del circondario che non è stato inserito tra le zone svantaggiate , ciò per il comparto rappresenta una perdita secca di circa trecentocin-quanta mila euro all’anno, inoltre oneri non meno importanti rappresentati dai contributi a fondo perduto che ogni anno vengono persi, stimati nell’ordine del 40% che sommati al 40% esistenti avrebbero rappresentato una bella boccata d’ossigeno per i nostri agricoltori. Sarà completata la stesura della fibra ottica e sarà dato impulso alle attività commerciali attraverso la messa a disposizione di suolo pubblico (esempio gazebo per i bar).

Perché i cittadini di Samassi dovrebbero votare il programma di “Samassi Riparte”?

«Stiamo vivendo un momento drammatico che coinvolge con non poche difficoltà tutte le fasce socio-economiche del paese e per questo motivo il gruppo “SAMASSI RIPARTE” si metterà a disposizione di tutti i concittadini che verranno coinvolti per utilizzare al meglio i Finanziamenti del PNRR nazionale e Regionali,  operando in modo che nessuno rimanga indietro e attuando delle politiche a beneficio di tutte le categorie La squadra è un giusto mix di gioventù ed esperienza che vuole dare un contributo affinché questa comunità si rimetta in marcia»

I candidati consiglieri:
Anna Cara, Jessica Casu, Anna Casula, Francesca Ortu, Maria Bonaria Porcedda, Manuela Sanna, Fabrizio Atzeni, Gian Luigi Cabiddu, Paolo Cabriolu, Luca Setzu, Valerio Urraci, Narciso Vacca.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy