Economia & Lavoro

Samassi, i titolari di sale cinematografiche chiedono aiuto

Giuseppina Concu
Condividici...
di Carola Onnis

________________________

La pandemia ha colpito tutti noi, prima sul fronte sanitario e poi su quello economico. Sul fronte lavorativo certi settori hanno patito delle situazioni ancora più drammatiche rispetto alle altre categorie.
Emblematico il caso di teatri, cinema e arti e spettacolo.
Ciò è testimoniato da Giuseppina Concu e Cristiano Carta, titolari dei cinema di Samassi e Lunamatrona.

«Ora che il vaccino è arrivato – commenta Giuseppina Concu, presidente della UECI Sardegna – speravamo in un ritorno alla normalità e nella riapertura delle sale, ma così non è stato».

Giuseppina (per tutti Giusy) gestisce insieme al compagno Cristiano Carta i “cinema riuniti” di Samassi e Lunamatrona.

Due persone squisite che con passione portano avanti la propria attività nel settore da tempo, ben noti nella zona per il loro buon cuore. «Cinema e teatri sono stati troppo a lungo chiusi ingiustamente – continua Giusy – pur avendo anche provveduto al distanziamento ed alla sanificazione degli ambienti. Per quale ragione le nostre sale, sarebbero pericolose? Dopotutto se le misure di sicurezza sono rispettate, le sale devono riaprire in tutta Italia, e non a macchia di leopardo».
La riapertura solo in alcune regioni, in maniera non uniforme, comporterebbe che le distribuzioni non si assumano il rischio di uscire con nuovi film.

«Le Major Americane in questi giorni – precisa Cristiano Carta – stanno spostando tutte le loro uscite da primavera 2021 ad ottobre novembre 2021 (film come 007, Fast Furious 9, Minions ed altri) o addirittura ad inizio 2022».

Le idee di chi vive nel settore non mancano però e si vuole ricominciare.

«Per la ripartenza con più vaccinati e con una curva di contagio ridotta al minimo, quest’estate, si potrà dar vita ad una “Festa del Cinema Italiano”, su scala nazionale, dove con il David di Donatello 2021 (che si terrà a giugno) verranno presentati all’incirca 30 nuovi film da destinare alla riapertura estiva. Inoltre per promuovere questo evento e ripartire ci sarà una campagna promozionale di comunicazione con la presenza in tutte le sale d’Italia di attori, registi e autori: presenze come Carlo Verdone, Pupi Avati ed altri volti noti dello spettacolo».

In questo lasso di tempo che va da marzo e giugno dove queste attività probabilmente resteranno ancora chiuse si necessita di urgenti interventi a fondo perduto e agevolazioni importanti.

«Io come presidente regionale UECI CNA assieme al presidente Nazionale Manuele Ilari, Umberto Marroni, Gaetano Renda, Mario Perchiazzi, Davide Fontana, Manuela De Tommaso, Henry Secchiaroli e Gérôme Bourdezeau stiamo lavorando per fare in modo che tali Fondi vengano ripartiti a tutti gli esercenti di cinema e teatri».

La presidenza UECI – come spiegano – non si occupa soltanto di cinema, ma anche di altre attività che ruotano attorno al cinema. La UECI d’Essai, infatti, come unione di esercenti di cinema e schermi destinati alla programmazione di qualità è un gruppo che comprende oltre cinquecento schermi su tutto il territorio nazionale: delle sale cinematografiche molto diversificate che abbracciano tanto i cinema delle grandi città quanto i cinema mono sala dei piccoli centri, spesso gli unici schermi in attività sul territorio, come il cinema Italia di Samassi. «Importanti poi – specifica Giusy – sono soprattutto le nostre collaborazioni. La UECI collabora con i più importanti festival del cinema nazionale ed internazionale». Altra interessante espressione è quella di UECI Educational, le sale cinematografiche del circuito UECI dedicano infatti uno spazio esclusivo alla formazione e allo sviluppo di proposte che connettano il linguaggio audiovisivo ai percorsi didattici delle scuole primarie e secondarie italiane. «Nasce con questa finalità il “talent school”, un progetto formativo pensato per le scuole, che accompagnerà negli studi i giovani studenti per nove mesi fino alla realizzazione di un’opera di cortometraggio. Le migliori opere regionali parteciperanno al grande festival che premierà i migliori progetti».

Cristiano Carta e Giuseppina Concu sperano che il loro grido d’aiuto, rivolto in nome di tutti i facenti parte del settore, possa essere ascoltato: «il nostro grande desiderio e poter far tornare gli spettatori nelle sale e tornare alla normalità come prima della pandemia».

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy