Cronaca San Gavino Monreale

San Gavino, addio ad Anicetto Scanu, lo speaker di Radio Sardinia che lottava con la Sla

Condividici...

Ha amato la vita fino all’ultimo momento e non si è mai arreso nonostante la Sla che lo costringeva a letto da oltre 10 anni. Anicetto Scanu, circondato dall’affetto dei suoi cari, si è spento oggi nella sua abitazione. Così tutta la Sardegna e il Medio Campidano piangono lo speaker e fondatore di Radio Sardinia, fondata nel lontano 1975 e diretta dal giornalista sociologo Antonio Contu.
La sua radio è stata la sua vita, ma Anicetto Scanu ha collaborato con diverse testate giornalistiche come La Gazzetta del Medio Campidano e ha portato avanti trasmissioni radiofoniche che hanno fatto la nostra storia.
Anicetto si è sempre detto soddisfatto del suo percorso di vita: “Rifarei le stesse cose con lo stesso entusiasmo di sempre, ho trascorso 55 anni senza una malattia, con le più belle soddisfazioni, è vero che la Sla mi ha sistemato per bene. Mi chiedo sempre quante persone al mondo hanno avuto la stessa fortuna? Sono fortunato perché comunico ancora con tutti e ho una simpatia con la tecnologia, questo mi facilita molto, e strano a dirsi ma la Sla mi ha migliorato così tanto che la proporrei per legge a tutti i politici, basterebbe anche solo un mese di Sla per avere un mondo migliore e soprattutto molto più giusto”.

Lo ricorda con affetto Pasquale Marongiu: “Con la scomparsa di Anicetto Scanu muore una parte della comunicazione radiofonica provata del medio Campidano e della Sardegna. Lui è stato il primo sangavinese a credere nel settore delle radio private. Radio Sardinia è infatti stata la prima radio privata di San Gavino Monreale. Anicetto è stato ancora un guerriero contro quella maledetta malattia della SLA. Ha continuato a programmare la sua radio dal suo letto usando i suoi occhi. Questo suo impegno gli fu riconosciuto anche dal Dj Marco Galli. Ciao amico mio R.I.P.”.
Il sindaco Carlo Tomasi esprime il suo cordoglio a nome di tutta la comunità sangavinese: “Oggi per San Gavino Monreale è una giornata molto triste, in quanto è venuta a mancare una delle sue voci storiche più brillanti e rappresentative, quella del caro Anicetto Scanu. Ci piace pensare, nondimeno, chela SLA non abbia sconfitto il nostro amico Anicetto, ma che l’abbia solamente costretto ad esternare in modo più palese e plateale le sue numerose virtù. Sì, perché Anicetto, suo malgrado, è divenuto l’incarnazione di un concetto attualmente molto in voga: resilienza. Come lui stesso affermava: “non posso guarire, ma posso vivere”.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

LAVORA CON NOI!

RADIO STUDIO 2000

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy