Attualità

San Gavino, degrado e incuria nel magazzino comunale

Condividici...

di Gian Luigi Pittau
_____________________________

Il magazzino comunale di via Villacidro è in uno stato di assoluto degrado: il greder, camioncini non più utilizzabili abbandonati e macerie sparse in tutta l’area. L’amara scoperta è stata fatta da Pasquale Marongiu che si è recato al magazzino comunale per chiedere la sostituzione del bidoncino dell’umido che si era rotto.
«Quando sono giunto – ha affermato – ho trovato un degrado che non mi sarei mai aspettato di trovare. Il greder ha due gomme squarciate e ora capisco perché le strade campestri sono abbandonate, il trincere a braccio è guasto, il rullo schiaccia bitume è in condizioni pietose e il resto è materiale da rottamare. Mi chiedo se questo luogo è sicuro per chi ci lavora e chi ha permesso questa totale incuria dei beni della collettività sangavinese. Alla fine sono riuscito ad avere un nuovo cassonetto ma quello per il vetro perché per quelli dell’umido bisognerà aspettare il nuovo appalto dei rifiuti».

Su questo stato d’incuria spara a zero il consigliere Stefano Altea: «Purtroppo la gestione del personale è fallimentare, come dimostrato anche dalle recenti minacce di sciopero in massa da parte della quasi totalità dei dipendenti. Ricordiamo che il sindaco Carlo Tomasi mantiene tre deleghe fondamentali quali personale, urbanistica e bilancio con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Non è pensabile che il parco macchine sia in stato di abbandono soprattutto se si guarda alle condizioni delle strade rurali che rappresentano un danno per tutta la comunità. Se si fosse prevista l’assunzione di un operaio specializzato per l’utilizzo di questi mezzi si potrebbero risparmiare tantissimi soldi pubblici evitando l’utilizzo sistematico di appalti esterni molto onerosi».

Sulla stessa linea anche la consigliera di minoranza Angela Canargiu: «Su questa situazione di degrado presenteremo subito una interrogazione in consiglio comunale. La maggioranza deve fare chiarezza sullo stato dei mezzi comunali e sulla loro gestione».

Ma in Comune i numeri del personale sono sempre più risicati e i dipendenti sono 42 (i direttori d’area 6) con una pianta organica in cui mancano soprattutto operai generi o specializzati che possono condurre mezzi come il greder. Una situazione che aveva portato dei malumori anche all’interno della giunta comunale e che aveva spinto i dipendenti a proclamare lo stato di agitazione e a chiedere l’assunzione di nuovo personale. Sulla questione interviene il sindaco Carlo Tomasi: «Per potenziare la pianta organica abbiamo assunto un funzionario specializzato (categoria D), due ingegneri di cui uno a tempo pieno e indeterminato e stiamo cercando di assumere un nuovo vigile urbano e un operario della categoria B3, quella che permette la conduzione dei mezzi come il greder che sarà sistemato. In Comune ho trovato questa situazione e stiamo potenziando la pianta organica pur con tutti i limiti posti dal bilancio comunale. Per facilitare l’arrivo di nuovo personale ci siamo inseriti in alcuni concorsi banditi da altri Comuni in modo da poter poi attingere dalla graduatoria».

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy