Attualità

San Gavino, le attività dell’associazione Curatorìa Monreale

Condividici...

di Lorenzo Argiolas
___________________________

L’associazione culturale Curatorìa Monreale nasce a San Gavino, nel 2019, con lo scopo di far rivivere le tradizioni sangavinesi, specie quelle legate al periodo medievale. Tutto nasce da un percorso di riscoperta delle proprie radici e della propria appartenenza, promosso anche grazie al contributo di diversi studiosi. Ed è proprio nel dicembre di quell’anno, il 2019, che viene realizzata una rievocazione storica per le vie del paese con un corteo in abiti medievali che rappresentava l’ingresso di Eleonora d’Arborea presso l’antica chiesa di San Gavino Martire, la quale custodisce le effigi degli ultimi regnanti d’Arborea: Mariano IV, Ugone III, Brancaleone Doria ed Eleonora stessa.

Nel 2020 il Covid ha rallentato le attività dell’associazione che ha anche attraversato un momento di riassetto. Un nuovo logo, un albero stilizzato di colore viola, il colore dello zafferano. Nuovi obiettivi, non solo la rievocazione della storia medievale ma la valorizzazione della storia sangavinese, e di tutto il territorio, a tutto tondo, così come la promozione della cultura del luogo e l’utilizzo della lingua sarda. Questi i propositi della presidente, Angelica Caboni, affiancata dal direttivo composto dalla vicepresidente, Fortunata Vacca, e dal segretario, Patrizio Siddi. Sono state tante le attività e iniziative proposte nei mesi scorsi, su tutte lo spettacolo dal titolo “S’Ùrtima Boxi”, proposto anche in occasione di Monumenti Aperti, consistente nella lettura di alcuni capitoli della Carta De Logu e in una drammatizzazione teatrale, in abiti medievali, avente come protagonista Eleonora e il concetto di memoria storica. «In cantiere abbiamo alcuni progetti – afferma la presidente- attualmente stiamo lavorando su un’iniziativa che sarà il nostro regalo alla comunità sangavinese. Poi abbiamo altri due progetti che abbiamo intenzione di presentare nei prossimi mesi, su cui manteniamo ancora il riserbo, per scaramanzia». All’interno dell’associazione c’è una compagnia medievale, il cui nome è “Su Grofu”, che partecipa anche a diversi eventi promossi da altre compagnie del territorio. «Dell’associazione fanno parte diverse personalità – prosegue Caboni – che hanno interessi e passioni a 360 gradi. Artisti, poeti, attori e studiosi. Sono il nostro valore aggiunto».  Ora si apre la campagna tesseramenti per il 2022 e la Curatorìa Monreale fa un appello a chiunque fosse interessato a farne parte a rivolgersi all’indirizzo mail: curatoriamonreale.associazione@gmail.com; oppure a rivolgersi ai canali social dell’associazione, Facebook e Instagram.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy