Attualità

San Gavino Monreale, avviata la pulizia dei canali per scongiurare il ripetersi di alluvioni

Condividici...

di Gian Luigi Pittau

_______________________

Scongiurare il rischio di nuove alluvioni che potrebbero mettere in pericolo la vita delle persone e in ginocchio le aziende locali come è già successo il 18 novembre 2013 con il ciclone Cleopatra.
Con questa finalità l’amministrazione comunale ha deliberato un finanziamento di 75mila euro per la pulizia dell’alveo dei fiumi che anni fa hanno esondato trasformando in un lago la zona industriale e artigianale del paese: «In seguito a una nuova convenzione», spiega il sindaco Carlo Tomas, «il consorzio di bonifica è stato incaricato di provvedere alla pulizia dei canali che ricadono nel territorio di San Gavino per una lunghezza complessiva di 9 chilometri. È di fondamentale per la sicurezza del territorio la pulizia di questi corsi d’acqua che in passato sono esondati per i mutamenti climatici che determinano le “bombe d’ acqua”, ma anche per le ostruzioni legate alla mancata pulizia dell’alveo».

L’azione di prevenzione delle conseguenze delle possibili alluvioni va avanti da anni soprattutto in vista dell’arrivo della stagione delle piogge: «Dal 2014», aggiunge il primo cittadino, «ci stiamo impegnando per scongiurare gli eventi disastrosi connessi all’assetto idrico del paese e  impedire il ripetersi del dramma rappresentato dalla calamità meteorologica denominata “ciclone Cleopatra” Ogni anno le campagne d’interventi si sono succedute in maniera efficace, potendo contare anche, da una parte, sulla stretta sinergia instaurata con il Consorzio di Bonifica della Sardegna Meridionale (CBSM) e Abbanoa, dall’altra sulle parallele operazioni di pulizia e ripristino del decoro urbano tanto nel centro cittadino quanto nelle zone rurali. Quest’azione ha ridotto notevolmente i disagi arrecati dai nubifragi del 3 e 4 maggio 2018 e del 22 agosto dello stesso anno se rapportata alla violenza eccezionale di queste  vere e proprie bombe d’acqua abbattutesi su tutto il Medio Campidano con ben 49,8 mm di pioggia in 30 minuti e raffiche di vento pari a 43,4 km/h. Abbiamo a cuore la sicurezza dei nostri cittadini e del territorio».

I soldi stanziati dal Comune serviranno per eliminare i rischi di esondazione non solo del Rio Pardu, ma anche degli altri corsi d’acqua presenti nel territorio di San Gavino Monreale come il rio Malu, il rio S’Arrideli, il rio Bruncu Fenugu e il rio Marianna Garau.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

claudio canalis

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy