Cultura

San Gavino, un progetto di Giacomo Putzu, Gennas De Santu ‘Engiu: una porta sui ricordi

Condividici...

di Giacomo Pitzalis
____________________________

Esistono in legno, in acciaio, in plastica. Possono essere verdi, bianche, nere o grigie. Piccole, enormi, a scomparsa, scorrevoli, a libro, esterne oppure interne. Insomma, di porte ce ne sono davvero un’infinità. Ognuna di esse apre o chiude verso un ambiente, una stanza, un luogo. E perché no, anche verso una storia, un racconto o dei ricordi. Proprio da questa qualità, forse sottovalutata, nasce il progetto Gennas De Santu ‘Engiu, dell’illustratore e artista sangavinese Giacomo Putzu, che ha trasferito su tela le vecchie porte disseminate lungo le viuzze del suo paese natale: oggetti appartenenti a un tempo ormai passato, ma custodi delle nostre case e delle nostre tradizioni.
«Gennas De Santu ‘Engiu è nato per caso, mentre scattavo delle foto tra le stradine di San Gavino Monreale. Ho avuto modo di riflettere sul patrimonio storico e urbano dei piccoli centri che, nonostante ci passi sotto gli occhi quotidianamente, non viene apprezzato come meriterebbe».
Un lavoro di scoperta e riscoperta, quello di Giacomo, che si unisce al suo amore per il disegno e la pittura, accresciuto e perfezionato durante il lockdown.
«Questa passione, per me, è importantissima. Durante il periodo di chiusura ho potuto coltivarla con maggiore meticolosità: tutto quel tempo a disposizione mi ha permesso di studiare e sperimentare, aiutandomi a trovare il mio Io artistico. Può suonare paradossale, dato ciò che stiamo vivendo, ma dal punto di vista strettamente creativo il 2020 è stato l’anno, per me, più produttivo».
Presidente dell’Associazione Culturale Chine Vaganti, da sempre fucina di grandi scrittori, fumettisti e illustratori, Giacomo ha cominciato il suo cammino nella pittura fin da piccolo, maturando e formandosi nel tempo, anche grazie all’influenza di grandissimi autori.
«Credo di aver cominciato a disegnare per via del bisogno di raccontare quel che vedo dal mio punto di vista. Fin da piccolo ero attratto dall’illustrazione e raffiguravo qualsiasi cosa mi capitasse a tiro, cowboy o animali che fossero. Col passare degli anni ho poi trovato ispirazione in numerosi maestri come Massimo Carnevale, Sergio Toppi, James Gurney e Gregory Manchess».
Una passione che ha condotto, o meglio “portato”, Giacomo a voler raccontare le nostre piccole realtà, con talento e quella curiosità tipica di ogni grande artista.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy