Attualità

Sanluri, “Plastica Free scuole”: a lezione contro l’inquinamento da plastica

Condividici...
di Fabiola Corona
______________________

 

L’Istituto comprensivo di Sanluri è in prima linea nell’educare i ragazzi contro l’inquinamento da plastica e nel riutilizzo virtuoso del materiale. Ha preso il via qualche settimana fa il progetto “Plastic Free scuole” nell’Istituto comprensivo di Sanluri, portato avanti da Alberto Corda, referente per il Sud Sardegna dell’associazione Onlus “Plastic Free”, e già impegnato nel territorio isolano con eventi di raccolta della plastica dai luoghi pubblici. “Plastic Free” è un’organizzazione di volontariato nata con l’obiettivo di informare e sensibilizzare le persone per un mondo “senza plastica”.
Il progetto consiste in un ciclo di incontri con i ragazzi della scuola secondaria di I grado con l’obiettivo di informare i giovani cittadini su temi quali l’inquinamento da plastica, gli atteggiamenti per attenuare questi problemi, le ricadute che l’inquinamento da plastica ha sui nostri mari con un focus sul mondo delle tartarughe marine.
«Sono diventato referente a luglio 2020, quando fui contattato dall’associazione Plastic Free dopo una raccolta svolta in autonomia con mia sorella per ripulire una spiaggia qui in Sardegna. Quello dello smaltimento della plastica è un grosso problema, ed è un bene che la sensibilità verso questo tema stia crescendo: prima eravamo solo poche decine mentre ora il numero di volontari sta aumentando sempre di più», così Alberto Corda, «Lo scopo del progetto è quello di cercare di far breccia sulle nuove generazioni, è necessario iniziare dalle scuole per arrivare a una buona coscienza ecologica e sono felice di aver riscontrato da parte dei ragazzi una buona risposta a questi temi, ci sono già altre scuole interessate a proporre questo progetto ai loro studenti».

Dalla sensibilizzazione a un diretto coinvolgimento, grazie ad un accordo fatto con la dirigente scolastica, Cinzia Fenu, l’istituto si impegna a limitare l’uso della plastica monouso negli ambienti scolastici: «Si tratta di un progetto nel lungo periodo. Quello che vorremmo fare è limitare il più possibile l’uso della plastica all’interno degli ambienti scolastici e sostituirla con distributori di acqua e borracce per tutti gli alunni». Non solo teoria, perché i giovani studenti di Sanluri sono stati protagonisti anche di raccolte di plastica dai luoghi pubblici e di laboratori manuali di riciclo della plastica. Si chiama “Rendi bella la tua squola” il progetto che vuole che ognuno dei ragazzi porti da casa propria un oggetto per abbellire la scuola: «L’idea di unire i due progetti è stata delle mamme, che hanno pensato di utilizzare le bottigliette di plastica come materiale principale per la costruzione di questi pouf che andranno ad abbellire la nostra biblioteca. Il progetto “Rendi bella la tua squola” è diventato così un’occasione in più di sensibilizzazione per il riutilizzo e il non abbandono della plastica e per stimolare i bambini a conservare la plastica e farne buon uso», spiega la dirigente.

Alcune classi dell’Istituto, guidate da Professori e genitori, si sono riunite nel cortile della scuola e hanno realizzato 16 poltroncine utilizzando 224 bottigliette di plastica, gomma piuma e stoffa colorata. «Ringrazio a nome di tutta la scuola Alberto Corda, che con le sue lezioni è riuscito ad avvicinare i ragazzi a un tema così importante. Il terreno era fertile, anche grazie al lavoro fatto dai docenti. Il terzo step sarà quello di coinvolgere tutti gli ordini e i gradi della nostra scuola rendendo i ragazzi delle medie delle guide per i bambini più piccoli all’interno di un progetto educativo “peer to peer”», conclude Cinzia Fenu.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy