Attualità

Sanluri viale Trieste, una strada in difficoltà: lavori di riqualificazione tra disagi e polemiche.

Condividici...

di Fabiola Corona
__________________

È ormai dallo scorso inverno che un cantiere occupa Viale Trieste, tra i malumori e le proteste dei cittadini residenti che lamentano la mancanza di un confronto diretto con il Comune, i vari disagi con cui si trovano a convivere e la lentezza con cui sembra procedano i lavori.

Quando è stato aperto il cantiere? Quanto dureranno i lavori? C’è una data di fine? Queste sono solo alcune delle domande che i cittadini, a mesi di distanza dall’avvio del cantiere, ancora si pongono.

Il progetto di riqualificazione di Viale Trieste è stato presentato a novembre dello scorso anno al Polo culturale di Sanluri, durante un incontro informativo aperto a tutta la cittadinanza. In tale occasione si è parlato di un tempo di lavorazione di otto mesi, una tempistica che però non sembra concordare con i dati odierni. Infatti, sostiene il sindaco Urpi, i lavori sono iniziati a febbraio e, stanziato un tempo di nove mesi di lavorazione, dovrebbero finire a novembre anche se la memoria dei cittadini residenti racconta una storia diversa: i lavori sarebbero in realtà iniziati il 17 gennaio e dunque ci troveremo ora al decimo mese di vita del cantiere.

Di fronte a posizioni contrastanti, quel che è certo è che il cartellone informativo posto a inizio cantiere, che per legge dovrebbe contenere tutte le informazioni riguardo i lavori in corso, non è mai stato compilato e ad oggi risulta ancora essere privo di qualsiasi tipo di informazione. Allo stesso tempo, gli operai non rilasciano alcun tipo di commento e alla domanda su quando sia possibile trovare nel cantiere il responsabile dei lavori rispondono «non lo sappiamo».

 

Intervista ai residenti

Residente 1

Questi lavori stanno distruggendo la nostra attività, stiamo lavorando malissimo come mai successo in trent’anni di lavoro. Ci hanno risposto che a breve riapriranno la strada, ci avevano detto che i lavori sarebbero durati circa otto mesi ma è quasi passato un anno e passerà più di un anno. Noi vogliamo che i lavori si svolgano velocemente, ci vorrebbe un impresa con più dipendenti, perché con tre operai non si può svolgere un lavoro come questo, si sta procedendo molto a rilento. Questi mesi ci hanno causato molti problemi, i disagi che stiamo vivendo sono troppi, e infatti stiamo mettendo la nostra attività in vendita. I lavori sono iniziati il 17 gennaio, sarà sicuramente tutto più bello a lavori finiti, ma quanto tempo passerà ancora?

Residente 2

Io ho già scritto una lettera per far presente la situazione di disagio e abbiamo anche fatto una raccolta firme quest’estate, per un totale di 40 firme, chiedendo al Sindaco e all’Amministrazione Comunale di avere spiegazioni e informazioni riguardo i lavori in corso. Il Sindaco ha annunciato che avrebbe convocato una riunione con i residenti ma ancora la stiamo aspettando: dire “mi dispiace per i disagi” non basta, vogliamo spiegazioni. Qui c’è un cartello dove non c’è scritto chi è il direttore dei lavori, chi è l’impresa che li sta portando avanti, non c’è scritto nulla e anche all’ufficio tecnico del Comune hanno avuto difficoltà a rispondere alle nostre domande. Non si possono impiegare dieci mesi per la prima parte della strada, dove i lavori ancora non sono finiti: il Sindaco ha parlato di otto mesi di durata dei lavori ma questi sono iniziati il 17 gennaio e dopo dieci mesi ancora siamo così.

Residente 3

Noi vogliamo vedere il progetto esecutivo. Hanno sbagliato tutte le quote, vogliamo capire perché si sta facendo un lavoro di questo tipo con tre operai. Un’altra società un lavoro simile lo fa in due mesi con due squadre operative. Si parla di febbraio come mese di inizio lavori perché durante il mese di gennaio quando si sono accantierati hanno chiuso tutta la strada, dopo qualcuno giustamente ha protestato e allora hanno pensato di fare prima metà della strada e poi l’altra metà e così è passato il tempo.

 

Intervista al Sindaco Urpi

Come procedono i lavori?

I lavori, dopo una fermata di due mesi, sono ripresi bene e a buon ritmo. Per farli riprendere abbiamo dovuto fare diversi incontri con la ditta e l’ufficio tecnico e devo dire che con impegno e testardaggine, perché i problemi erano e sono vari, i lavori sono ripresi e io sono soddisfatto e contento di questa ripresa e sono anche moderatamente convinto che andranno spediti e che si finirà in tempi brevi.

 

Per qualche mese i lavori si sono interrotti, cosa è successo?

Sono sorti dei problemi sul progetto perché quando l’impresa ha cominciato a scavare si è resa conto che c’erano delle lavorazioni in più da fare, per una condotta di acque bianche in pessime condizioni, da trent’anni mai rifatta. Questi imprevisti hanno richiesto più tempo sia a livello di lavorazione sia a livello economico. Nello specifico, la legge pensa agli imprevisti e fa sì che il Comune possa riconoscere il 15% in più della cifra dell’appalto all’impresa per la risoluzione di eventuali imprevisti però secondo l’impresa questo 15% non bastava, quindi ci siamo fermati per circa due mesi perché l’impresa pensava di lasciare il cantiere e d’altra parte noi non potevamo dare più soldi oltre i limiti di legge. In poche parole c’è stata una fermata per ricontrattare i termini dell’appalto.

Cosa dice a proposito dei disagi con cui stanno convivendo i residenti e le attività commerciali?

Mi dispiace per le attività che stanno attraversando dei momenti di difficoltà e di disagio a causa dei lavori – qualche tempo ho fatto anche un appello sui social in prima persona chiedendo a tutti i cittadini di aiutare le attività interessate – però la mia preoccupazione da Sindaco è quella dell’interesse generale e quella strada la stiamo migliorando. Nessuno ha mai avuto il coraggio di metterci mano proprio per evitare problemi, ho tralasciato altre questioni per occuparmi personalmente di questo. In questo momento a Sanluri abbiamo milioni di euro di lavori in esecuzione, la stiamo modernizzando con il metano, la fibra ottica casa per casa, i lavori al Viale, grazie ai quali migliorerà anche il valore di quelle case e di quei locali. Ci scusiamo con i cittadini e in particolare con i residenti per i disagi ma finiremo in tempi brevi.

Quando finiranno i lavori?

I lavori, iniziati a febbraio e stanziato un tempo di nove mesi, sarebbero dovuti finire a novembre, ma non credo che finiranno a novembre. Io capisco tutto questo caos che si è creato, perché la gente si è spaventata non vedendo i lavori andare avanti. Alla fine ci renderemo conto che si tarderà di due mesi, anche se non mi espongo promettendo la data di fine perché non è un dato che dipende da me, da me dipendeva trovare un tempo congruo per finire i lavori ed era novembre, siccome però c’è un impresa e siccome il responsabile della fine dei lavori non sono solo io, non mi permetto di dire ai cittadini “finiremo in tale data”, quello che posso dire è che alla fine della fiera, quando il lavoro sarà finito e completato, ci renderemo conto che avremo tardato di pochi mesi e non per inefficienza, come molti pensano.

Come risponde alle critiche?

Io divido i cittadini tra coloro che hanno dei disagi perché ci risiedono e di cui ho un grandissimo rispetto, che avevano disagi anche prima a causa delle allergie e di una strada buia piena di guano e sporcizia, e coloro che magari non risiedono, che subito hanno cominciato a fare politica e a dire che i lavori andavano male per l’inefficienza del Comune e questa parte ha pienamente torto.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

claudio canalis

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy