Economia & Lavoro

Serrenti, la coltivazione del melograno per accrescere le opportunità produttive in Campidano

Condividici...

di Fulvio Tocco

_____________________

Nel comune di Serrenti, nell’ultima settimana del mese di ottobre 2019, un gruppo di volontari affiancati da tecnici del micro comparto produttivo dell’Agenzia Agris Sardegna, ha provveduto a classificare le accessioni di melograno presenti negli orti e nei cortili delle case di abitazione.
Le accessioni esaminate congiuntamente con i proprietari degli alberi (o loro delegati) sono state 23. Tra queste, diverse sono state valutate positivamente per gusto, sapore, colore, grandezza e tenerezza degli arilli.
Durante le verifiche si è potuto costatare che il melograno è una pianta antichissima è diffusa e coltivata a Serrenti da sempre.
Infatti alcune balauste provenivano da vecchie piante che hanno prodotto frutti di alta qualità che meritano di essere salvati. Volendo, alcune di queste accessioni, possono divenire una buona base di partenza per realizzare dei nuovi impianti tipici.
Riproporle sul campo consentirebbe di preservare queste preziosissime biodiversità locali adatte al consumo del fresco e dei succhi.
La pianta di melograno, nel periodo dello sviluppo, ha bisogno di temperature medie tra i 20° C e i 25° C di giorno e attorno ai 18°C di notte, mentre per dare i frutti, la pianta ha necessità di temperature diurne di almeno 30° C. per cui adatte al clima dei paesi del Campidano.
Per la coltivazione occorre un terreno fertile, per cui anche quelli argillosi con ph tendenzialmente neutro possono andar bene; ciò che è importante è il drenaggio del terreno, in quanto il melograno è sensibile ai ristagni idrici: nei terreni pianeggianti è consigliabile facilitare lo sgrondo delle acque.
Quando si va a piantare il melograno, si consiglia di scegliere luoghi ben soleggiati, per raggiungere le suddette temperature, ma al tempo stesso riparati da venti troppo forti.
La moltiplicazione del melograno può avvenire semplicemente tramite talea, ovvero prelevando in autunno parti legnose di un melograno di 1-2 anni, sistemandole in un terreno ben preparato per un nuovo impianto.
Nei primi anni dopo la messa a dimora del melograno bisogna assistere le piantine nei periodi in cui le temperature sono più alte, ricorrendo a innaffiature di emergenza, se le temperature sono particolarmente elevate per qualche giorno consecutivo; queste innaffiature vanno eseguite con pochi litri d’acqua, somministrati uniformemente sull’apparato radicale.
Nei primi mesi dopo la messa a dimora le piante vivranno una fase di acclimatazione, in quanto si adatteranno alla nuova posizione e al suo clima; per facilitare questo adattamento si può usare un composto organico o del letame maturo, 1 kg ogni 4 mesi.
Alla base della pianta di melograno si producono diversi ricacci, i suddetti polloni, che è bene rimuovere, per migliorare lo sviluppo della chioma, stando attenti a reciderli all’attaccatura.
La fase di potatura varia a seconda della forma data alla pianta: nel caso della forma ad alberello la prima potatura dovrà essere tra gli 80 cm e 1 mt d’altezza, mentre per le potature successive si sarà più liberi, cercando però di eliminare tutte le ramificazioni malate o danneggiate. Durante la potatura si deve sfoltire la ramificazione interna, soprattutto per far penetrare luce a sufficienza.
Per la raccolta dei frutti si deve aspettare che il colore esterno delle melagrane sia rosso intenso o giallo; in genere ciò avviene a fine ottobre e dura per tutto novembre.
I frutti raccolti si conservano per diverse settimane, purché tenuti in luoghi asciutti e a temperature attorno ai 5° C. Ciò che si sta facendo per la valorizzazione del Melograno può essere riproposto su altri piccoli comparti produttivi: il fico d’India, le mandorle o altri ancora.
Con queste iniziative che partono dalla base si contribuirà a creare ricchezza e lavoro aggiuntivo favorendo il miglioramento del paesaggio rurale e della vita di relazione dei nostri paesi che da quando l’agricoltura è in crisi sta venendo meno.

Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Laser Informatica di Sergio Virdis

Sempre con te…

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy