Editoriale

Tempi moderni, mala tempora currunt

Condividici...

di Antonio Corona
___________________

“Mala tempora currunt sed peiora parantur”. Viviamo tempi bui ma ancor peggiori ne attendiamo. È una frase latina, questa, attribuita a Marco Tullio Cicerone utilizzata per sottolineare quel periodo particolarmente triste con la prospettiva di un futuro poco roseo. Poiché la storia, come afferma G. Battista Vico ciclicamente si ripete, riteniamo che il detto latino possa calzare bene anche per i tempi che stiamo vivendo.

Se diamo uno sguardo intorno a noi, se seguiamo le notizie trasmesse dai mezzi di comunicazione quotidianamente, rileviamo puntualmente che non ci facciamo mancare niente. Guerre e contrapposizioni ideologiche, di appartenenza religiosa, di vita sociale, di usi e costumi sono all’ordine del giorno. La pace, auspicata e promossa da molte componenti della società, è un miraggio. Si sono affievoliti ma sopravvivono gli atti di terrorismo in tante parti del mondo insieme alle sopraffazioni fra etnie. Anche in questo avevano ragione gli antichi romani “homo homini lupus”.

Gli sconvolgimenti della natura con conseguenze deleterie anche sul clima, mettono in ginocchio intere popolazioni già provate da povertà e indigenza. Gli sconvolgimenti climatici sono causa di inondazioni, cicloni, siccità, carestie e invasioni di locuste che rendono insufficienti le magre risorse alimentari a disposizione. È anche a causa di questi fattori che l’emigrazione sta assumendo proporzioni ingovernabili. Quando non si riescono a soddisfare i bisogni primari, l’uomo è disposto a tutto. Non mancano nel mondo terremoti ed eruzioni vulcaniche.

E l’uomo in tutto questo è solo spettatore? L’uomo è la causa principale di tutto. È complice e artefice di questo stato di cose. Il profitto, il potere, il dominio sugli altri alimenta affarismo, connivenze spesso fra malaffare e istituzioni, corruzione, acquisizione del consenso, inquinamento, deforestazione, incendi ed altro ancora.

In più in questo e nel precedente anno ci si è messa anche la pandemia di Covid-19 che ha reso lo stato di cose ancora più ingarbugliato compromettendo la salute e causando in Italia oltre centomila morti. A detta degli esperti anche il virus può essere sfuggito di mano all’uomo. Ma il corona virus ha contribuito anche ad affossare l’economia per cui tante piccole e medie aziende hanno dovuto chiudere i battenti e lasciare a casa i dipendenti.

Avevano ragione gli antichi romani nel dire “Mala tempora currunt?”.  Solo l’uomo con i suoi comportamenti può smentire le parole di Marco Tullio Cicerone. Necessita la buona volontà di tutti, prima che sia troppo tardi.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy