RUBRICA

Tredicesima stazione “…eloì, eloì, lemà sabactàni?… Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?’”

Condividici...
di Sandro Renato Garau
_____________________________

Il frastuono provocato dalla della Via Crucis, svoltasi al Colosseo venerdì Santo, potrebbe essere considerata una questione che riguarda solo i cattolici. Non è così nella sostanza. La forma può essere manipolata usata a seconda di chi ne parla o scrive. Il sentimento e la condivisione no! Chi ha sentito parlare di vangeli e di storia della Chiesa, sa che spesso il messaggio di Gesù è stato distorto, utilizzato e strumentalizzato in ogni epoca. Venerdì Irina e Albina, due giovani, una Ucraina e l’altra Russa, sono state invitate a portare la croce durante la Via Crucis a Colosseo. Dovevano testimoniare che la pace tra due popoli in guerra è possibile. Abbracciate alla croce, esibendo uno sguardo dolce, di comprensione, di paura, e soprattutto di speranza hanno percorso la strada sino alla 14^ stazione, in silenzio, implorando con il loro atteggiamento la pace. Il silenzio, scelto in sostituzione del discorso scritto, ha messo a tacere tutte le voci contrarie al fatto che due abbracciassero insieme la croce.

Soprattutto quelle voci che ritenevano di essere autorevoli e legittime, come quella di qualche dirigente e qualche alto prelato ucraino in dissenso con la scelta del Vaticano che pretendevano che la croce non fosse portata assieme da una donna russa e una ucraina.  Ironia della sorte la croce è strumento di morte per eccellenza. Per i cristiani l’albero della salvezza.

Fra Giuseppe Giunti in un suo commento: “…Nel rispetto del dolore di chi in questa guerra sta perdendo affetti e luoghi di vita, non posso che piangere su queste scelte anti evangeliche, ispirate – e lo capisco senza scusarlo – dal nazionalismo. Quando la propria appartenenza etnica è più importante della fede; quando la “religione” si sposa con la Patria; … D’altra parte Gesù per aver insegnato un Evangelo libero dal potere politico e religioso è finito in croce. Ma da lì è risorto. La Pasqua è più viva e più forte di ogni limite umano”.

Mentre il vecchio Papa ha invocato il Signore, “porta gli avversari a stringersi la mano, disarma la mano del fratello alzata contro il fratello” e fa’ che “gustino la concordia”.

L’istantanea che Irina e Albina hanno lasciato Venerdì Santo è stata quella di un mondo che può parlare d’amore. Lo sguardo pulito, cristallino dell’incontro, della concordia. Se non sarà così… siamo condannati a fare i “figli di Caino”.

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

Notizie sull'autore

lagazzetta

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy