Attualità

Trenino verde, c’è il piano di rilancio

Il trenino verde
Condivici...

L’accordo tra Regione, sindaci dei Comuni coinvolti, Arst, sindacati, associazioni e imprese prevede, per il 2019, uno stanziamento di 10,3 milioni di euro. Definite anche una serie di azioni di sviluppo e valorizzazione per rendere questa antica infrastruttura (437 chilometri di estensione complessiva facendone la ferrovia storica più lunga d’Italia) un grande attrattore turistico dell’isola grazie a una programmazione di spesa decennale sino al 2028.
Entro un anno dalla firma la Regione dovrà sviluppare il Piano di valorizzazione che richiede interventi su sicurezza delle linee, attività di gestione e manutenzione, potenziamento e rinnovo dei treni, eventuale automazione o eliminazione dei passaggi a livello. Nel caso di recupero e restauro, le vecchie stazioni saranno concesse agli enti locali per la realizzazione di luoghi di accoglienza.
Ulteriori 7,5 milioni di euro annui inoltre saranno resi disponibili per il triennio 2019-2021 finalizzati alle sole attività di manutenzione ordinaria e periodicamente adeguati per tutta la durata del Piano. I treni per le tratte turistiche saranno riqualificati e rafforzati in misura maggiore in primavera, per viaggi culturali e scolastici, nei fine settimana.
All’Arst il compito di garantire la ripresa dell’esercizio ferroviario in tutte le tratte: Mandas – Arbatax, Isili – Sorgono, Macomer – Bosa e Sassari – Nulvi – Palau. L’Azienda regionale trasporti costituirà quindi una struttura organizzativa dedicata alle attività del Trenino Verde in modo da offrire riferimenti certi per tutti i soggetti coinvolti nello sviluppo del Piano.

Condivici...

Notizie sull'autore

Gian Luigi Pala

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

il 1 e il 15 di ogni mese…