Attualità Sardara

Un deposito per il servizio 118 sfrattato da Casa Caddeo

Condividici...

Gazzarra in aula consiliare a Sardara durante la discussione sulla mozione presentata dal gruppo di opposizione Nuove Iniziative per revocare la delibera di giunta che ha disposto lo sgombero del servizio 118, gestito dalla cooperativa sociale “Red Emergency”, dal locale della Casa Caddeo in via Cagliari, e provvedere a uno spazio alternativo. Proposta categoricamente respinta dalla maggioranza, che non ha approvato il volantino distribuito in paese dalla Cooperativa, come risposta al comunicato di sfratto. Un rifiuto da parte del sindaco Giuseppe Garau anche di aprire la seduta al pubblico, nonostante la presenza in aula dei volontari di Red Emergency e della presidente Debora Basciu. «Non è mai stata intenzione dell’amministrazione comunale di mandare via il servizio 118 dal paese – ha risposto il sindaco – ma da diversi mesi, come indicato dagli accertamenti, la società che gestisce il servizio non utilizza il locale. Siccome abbiamo numerose richieste di trovare spazi per gruppi e associazioni, la ratio è disporli per loro, considerando che i richiedenti sono superiori ai locali di cui disponiamo».
L’inagibilità della stanza, usata negli ultimi anni come deposito di materiale sanitario, è un’altra motivazione data dagli assessori per la decisione presa. «Ricordo – ha dichiarato l’assessore Simona Ibba – che la precedente amministrazione assegnò i locali per consentire ai volontari di dormire e mangiare lì, e non solo come magazzino per le attrezzature. Se nel corso degli anni la funzione è cambiata, esorto l’associazione a fare richiesta formale al Comune per avere un altro spazio». A contrariare gli assessori pare sia stato il volantino a firma della presidente Basciu che comunica l’intenzione di trasferirsi in altro comune “più ospitale”. «Non è vero, come è scritto – ha affermato l’assessore Raimondo Pisu – che Sardara resterebbe senza 118. Si sposterebbe nei paesi limitrofi. Pensate ci sia differenza se l’ambulanza è a sei chilometri di distanza?».
Dai banchi dell’opposizione indignazione per il provvedimento, considerato “punitivo” soprattutto nei confronti della comunità di Sardara. «Resto esterrefatto – è intervenuto il consigliere Roberto Caddeo. – Inutile dire che non si vuole togliere il servizio, se di fatto si mettono le condizioni per toglierlo. Come si fa a dire che non fa differenza averla a sei chilometri di distanza? Poi dove sono i verbali che accertano l’inutilizzo del locale? Non li abbiamo avuti neanche con le risposte del sindaco. Dove sono stati fatti? Da chi? Quando? Con che frequenza? Quello che invece è evidente, è il contenuto della delibera e della conseguente lettera della Proloco, datata il 18 gennaio. Nella delibera in questione, la giunta incarica la Proloco ad assegnare gli spazi della Casa Caddeo alle associazioni del paese. Ma quando mai un locale comunale può essere assegnato dalla Proloco e non dall’amministrazione?».
Non è stata accolta la proposta dei consiglieri, neanche quella di disporre anche una piccola stanzetta per “un’associazione Onlus che svolge una funzione delicata di emergenza medica”. «Avevamo scelto Sardara – ha commentato la presidente della Cooperativa Debora Basciu – perché si trova in una posizione strategica e consona per raggiungere tutti i paesi limitrofi e la strada statale 131. Ora valuteremo, come è stato detto, se presentare al Comune richiesta per uno spazio alternativo. Ma ci saremmo aspettati che provvedessero loro, o che ce lo comunicassero, prima di deliberare lo sgombero».

Marisa Putzolu

consiglio comunale

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

CLICCA sotto PER LEGGERE GLI ANNUNCI

CLICCA sotto PER LEGGERE

Argomenti

Bonus Docenti

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy