banner1_lagazzetta
ffserci
striscione_banner
ALP
previous arrow
next arrow
Attualità Pabillonis

Un ex fabbro vuole realizzare un museo

Condividici...

In via Gramsci, a pochi decine di metri dalla chiesa parrocchiale, un caratteristico collezionista conserva un inestimabile tesoro nella sua casa d’abitazione e nei locali di una ex officina. Forse non sarà da Guinnes dei primati, ma sicuramente sono pochi al mondo i privati cittadini che possono vantare una simile collezione.

20fo- Augusto Cara

Ex fabbro, artigiano, maniscalco e adesso che si trova in pensione, Augusto Cara, 77 anni, è anche collezionista. Non di francobolli s’intende, ma di oggetti ben più consistenti e voluminosi come lo possono essere i vecchi carri, che un tempo venivano adoperati in Sardegna, nei lavori agricoli, o gli eleganti calessi dei ricchi proprietari terrieri. I locali della sua ex officina di fabbro, in via Gramsci, sono stracolmi di questi caratteristici mezzi di trasporto insieme a vecchi trattori Landini con ruote in ferro, antiche seminatrici con traino a cavallo, motocoltivatori degli anni Venti, macine in pietra, un enorme torchio per l’uva dei primi del ‘800 e tanti altri oggetti agricoli del passato.

1 cara

Ma il suo vanto sono i vecchi carri: sono ventitré, tra carrette, calessi, carri a buoi e carrettini a traino d’asino, i pezzi gelosamente custoditi dal fabbro. Tutti ben messi ed efficienti oltretutto. Nella passione per la collezione dei carri nessuno lo supera: li restaura con pignoleria, li lucida, e per i preferiti, come un carro a buoi che ha la veneranda di 200 anni, lo tiene addirittura dentro casa in una enorme stanza. Oltre i carri, colleziona anche una miriade di finimenti e selle per andare a cavallo, molti sono antichissimi e ricchi di decorazioni come si usavano un tempo: «ho l’attrezzatura completa per bardare 34 cavalli», precisa l’ex fabbro mostrando gli oggetti appesi in una enorme  cucina rustica.

3 cara

Un collezionista d’eccezione non solo per la quantità, ma anche per la caparbietà che lo porta alla ricerca in ogni parte della Sardegna di questi antichi oggetti senza badare al prezzo che gli fanno pagare i proprietari. Ma caparbio e deciso lo è sempre stato fin dall’età di tredici anni quando lasciò l’azienda agricola paterna per apprendere l’arte del fabbro e di maniscalco presso la bottega di Pasquale Cruccas, in paese. La passione per il ferro battuto, l’arte di ferrare i cavalli e la lavorazione dei metalli lo porta, in seguito, a Villacidro, a Cagliari e poi a Sanluri.

2 cara

A ventuno anni è ormai un ottimo artigiano ed un esperto maniscalco tanto che, partito militare di leva a Udine, gli ufficiali gli affidano il comando dell’officina della caserma. Rientrato in paese si mette in proprio e la sua bottega di fabbro e di maniscalco diventa ben presto il punto di riferimento per i lavoratori della campagna, sia per affilare i vomeri degli  aratri, che per ferrare i  cavalli. Da allora molte cose sono cambiate nella sua bottega, ora diventata un’officina moderna gestita dal figlio Jonny dove si lavora l’alluminio e si realizzano complesse strutture in ferro.

4 cara

Ma l’antica forgia è sempre lì: da un pezzo di ferro, lavorando d’incudine e martello, padre e figlio realizzano i ferri, su misura, per i cavalli. La passione per i cavalli, ne possiede tre, d’altronde l’ha sempre avuta e l’ha trasmessa anche al figlio insieme all’arte di maniscalco. Ha un cruccio però Augusto Cara, che aumenta sempre di più con il passare del tempo: realizzare un museo per mettere in mostra e valorizzare questo ricco patrimonio del passato. Ora però in pensione, e con l’età che avanza, questa determinazione non basta più. Augusto Cara ha un cruccio che aumenta sempre di più con il passare del tempo:vorrebbe realizzare un museo.“Non ho più spazio, i carri e gli oggetti sono accatastati e ammucchiati senza nessun ordine,in tanti mi chiedono di vendere alcuni pezzi pregiati, «per ora resisto, ma non so fino a quando», si lamenta l’ex fabbro. Chiede collaborazione anche alle istituzioni. «Anni fa avevo chiesto di acquistare una vecchia casa padronale, in lardiri, del 1800, con una grande corte ideale per l’esposizione, ma il proprietario l’ha ceduta al Comune per realizzare un albergo diffuso, ora per mancanza di fondi, la struttura sta crollando, «ma ancora oggi sono pronto ad acquistarla, restaurarla e realizzare un museo per essere visitato da scolaresche e turisti e far diventare il paese un punto di riferimento della cultura contadina», dichiara l’ex fabbro.

Dario Frau

RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividici...

ecco qualche nostra proposta….

IMG-20231027-WA0002
IMG-20231007-WA0003-1024x623
IMG-20231104-WA0035-1024x623
previous arrow
next arrow
 

CLICCA sotto PER LEGGERE

RADIO STUDIO 2000

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy